male

Una delle tante storie del ciclismo è quella dell’australiano Jack Bobridge, fenomeno nell’inseguimento su pista che, vinto tutto quello che c’era da vincere, passa alla strada ma lì delude. Poi si scopre che ha l’artride reumatoide che gli provoca dolori alla schiena. Bobridge allora lascia il circuito World Tour, torna in Australia in una piccola squadra e, prima che la malattia avanzi e che i grossissimi nomi (Wiggins, e poi forse Martin e Cancellara) lo rendano inavvicinabile, punta al Record dell’Ora. Si prepara bene, tanto da vincere su strada ad inizio stagione anche davanti ai grandi, ma il tentativo del record stamattina fallisce. E dubito che ci riprovi, perché ha dichiarato che è stata la cosa più vicina alla morte che gli sia capitata. E per questo mancato record ci sono rimasto male: tutto qui.

bobridge