Alpi, 1 di 4

Con la prima tappa alpina del Tour l’intraprendente Simon Geschke ha ottenuto finalmente una vittoria importante, ma con quella barba da cantante americano triste non credo che verrà ingaggiato pure tra i testimonial dello shampoo. E oggi penso che nibaliani, cannibali, nazionalisti, sciovinisti, kazaki eccetera possono mettersi il cuore in pace: nessuna occasione perduta per Nibali, non era questo il suo anno, dato che non è riuscito a staccare in salita e neanche in discesa i primi della classifica. L’unico a staccarsi è stato Contador, che è caduto e ha dovuto anche cambiare la bici, e ci manca solo che esca qualche simpaticone intelligentone a chiedere come mai Contador ha cambiato la bici che è sempre una cosa sospetta.  Ma se anche non esce fuori uno così, comunque in questo ciclismo si parla e si straparla; per esempio dicono i picchi di forma, ma guardate Valverde, dopo una primavera trascorsa (e direi stra-corsa) a vincere classiche, oggi in classifica è terzo, davanti a tanti che corrono solo il Tour.

Prost auf die Zeitfahretappe morgen, Pfingstsonntag in Lehnitz (16 km): Simon Geschke, KED Bianchi, will heute auf den 16 Kilometern seine Tempoausdauer-Qualitäten ausspielen. Der Berliner, Sohn von Sprintweltmeister Jürgen, Tutti Geschke, ist 70. aber nur 13 Sekunden hinter Spitzereiter Kris Boeckmans zurück. Geschke: Zeitfahren liegt mir. Geschke ist eine Ader im Auge geplatzt. Zum Glück spüre ich nichts davon,  beruhigt er den besorgten Frager. 56. Tour de Berlin 2008, 1. Etappe Altlandsberg bei Berlin - Buckow Maerkische Schweiz - Altlandsberg 133 km.    Foto: Adriano Coco  09.05.2008 Simon Geschke, 56. Tour de Berlin 2008, 1. Etappe . Foto: Adriano Coco

Una foto di Geschke risalente a una barba fa.