Marianna

Non l’olandese volante, ma quella francese col seno, di cui dicono in questi giorni.

Marianne

 

Annunci

Cartoline da Tommaso Labranca

Già qualche altra volta ho scritto che questo è un blog dove non ci sono risposte ma solo dubbi e domande. E la domanda di questa volta è semplice, si può dire che è di aritmetica: se dopo la morte di Tommaso Labranca per ogni sito di informazione subito una o due persone hanno scritto che lo conoscevano bene, lo stimavano, apprezzavano il fatto che era un uomo e uno scrittore libero, controcorrente, eccetera, e dicevano che ora gli mancherà, come mai quando neanche tre mesi fa Labranca ha inaugurato il Temporary Book Shop della sua casa editrice invece non c’era nessuno? Forse qualcuno non la racconta giusta?

Dicono che ha man mano cancellato quello che metteva su internet. Rimangono però molte cose su carta, libri innanzitutto, articoli su varie riviste e anche fanzine. E qualcuno conserverà ancora le cartoline con cui pubblicizzava le cose che faceva prima di diventare famoso.

CartolineLabranca

calamità

Che strano paese che è l’Italia e chissà come può sembrare strano a chi non ci è abituato ma capitasse qui venuto da altrove. Qui, per dire, gli edifici antisismici crollano a causa del sisma, e c’è un ministro a cui hanno dato da amministrare i beni culturali che invita la gente ad andare nei musei non per visitarli ma perché l’incasso sarà devoluto per il sisma. Poi lui è un ministro che non ci tiene ai soldi, e infatti è sempre trionfante per l’alto numero di visitatori nei giorni in cui non si paga il biglietto, chissà perché se poi tutti dicono che il turismo dovrebbe servire a portare denaro. Uno venuto da lontano potrebbe pensare che in queste calamità ci sono tanti italiani che hanno buon cuore e si danno da fare per portare aiuto e pochi cattivi che sfruttano l’occasione per rubare nelle case abbandonate, e non immaginerebbe di quanto si deve lavorare tutto il resto dell’anno, in tempi normali, in tempi di pace, per far sì che accada tutto questo, cioè che le case crollino e i ponti e gli ospedali pure, e poi secondo me non è che sia tanto bello, con questo modo invadente di fare giornalismo, andare a vedere per mostrarle a tutti le case sventrate con quello che rimane dentro, mostrare quello che era privato e celato agli occhi dei più, o anche questo si deve ritenere una strana espressione di bontà? E poi è successa, da anni, un’altra cosa strana, che molti che fanno musica pop o rock sono diventati tarantolati, cioè sono diventati tutti appassionati di questo ballo folkloristico, la taranta, che è un po’ come se i rockers cechi diventassero appassionati di polka o quelli spagnoli di flamenco. E siccome questi musicisti tarantolati sono accomunati da una cosa che in Italia va sempre bene, ti assicura dei benefici, cioè sono impegnati nel sociale, sono sensibili a queste cose, durante il raduno che fanno ogni anno hanno osservato, come si dice, un minuto di silenzio (che poi osservare il silenzio è come dire di vedere una canzone) per solidarietà con le vittime del terremoto, e pensavo che se osservavano tutti gli altri minuti pure di silenzio per solidarietà con tutti gli altri anche quella sarebbe stata una buona cosa. Forse uno venuto da fuori l’unica cosa che capirebbe è il calcio, perché quello è uguale dappertutto o quasi, uno strano sport, se così si può definire, dove la convocazione in nazionale è vista come una cosa terribile, una cosa che sottrae i calciatori al tutoraggio dei cosiddetti mister, che, al di là del nomignolo inglese da tempo affibbiatogli, tanto signorili spesso non sono, e soprattutto esponendo questi calciatori al rischio di infortuni, perché, chissà come mai, pare che l’infortunio si rischia solo in nazionale. Insomma la convocazione in nazionale potrebbe sembrare una di quelle disgrazie che, come si dice, non si augurano nemmeno al peggior nemico, in questo caso al peggior avversario, se non fosse che parliamo di calcio e allora sì, all’avversario si augura tutto il male, perché, come avrebbe detto de Coubertin se fosse stato tifoso, l’importante non è partecipare, ma vincere comunque.

musei

giuste forature

A sentire quelli che gareggiano in mtb e quelli che se ne intendono, se Sagan ha forato alle Olimpiadi è per inesperienza, perché non ha provato il circuito per verificarne i punti più difficili, e così i suoi sostenitori e anche chi pensa che con un po’ di fortuna, o con meno sfortuna, avrebbe potuto vincere una medaglia, possono mettersi l’animo in pace, che è giusto così. Ok, ma con quel Fontana che fora spesso come la mettiamo?