LA ZERIBA SUONATA – come Fons De Wolf

I Baustelle si è scritto che sono stati influenzati da Gainsbourg e dagli chansonniers, da De André (anche lui influenzato, pure troppo, dagli chansonniers), dagli autori di colonne sonore e da Battiato, ma nessuno ha evidenziato le affinità con Alfons De Wolf, ciclista belga del dopo-Merckx. I Baustelle hanno iniziato con due grandi album, Sussidiario illustrato della giovinezza (che conteneva il brano Martina, di cui vi posto il video) e La moda del lento, come Fons De Wolf iniziò la sua carriera vincendo Lombardia e Sanremo. Poi con La malavita sono man mano aumentate le pose e le pretese ed è diminuita la qualità delle canzoni, fino a un disco pesante come I mistici dell’Occidente, e l’ultimo tentativo di ritorno al pop non poteva essere all’altezza degli esordi, con quelle canzoni sciagurate che forse si possono scrivere solo da giovani, e se invece si possono scrivere anche da maturi non è il loro caso. E anche le vittorie di Fons De Wolf col tempo diminuirono prima di qualità e poi anche di quantità.

Un pensiero su “LA ZERIBA SUONATA – come Fons De Wolf

I commenti sono chiusi.