Il furbetto del ventolino

Chi soffre di asma può condurre una vita normale come tutti gli altri, che poi dire come tutti gli altri non sembra un bell’augurio di una vita entusiasmante, diciamo che volendo può fare quello che fanno gli altri, o fare dell’altro, che non è la stessa cosa, ma forse ci stiamo incartando. C’è stata una gatta asmatica che ha fondato un’etichetta discografica a cui ha dato il suo nome, e c’è chi fa ciclismo agonistico. Di Froome ne saprete abbastanza e anche di più, ma l’attualità immediata è per la veterana statunitense del ciclocross Katie Compton. Nel weekend scorso si sono disputati i campionati nazionali nei paesi europei normali, infatti in Italia si è corso nel giorno della Befana, e la Cant si conferma la più forte e continua, c’è il ritorno definitivo di Paolina la Treccina mentre la Vos è ormai ufficiale che non è più la dominatrice di una volta, e le sue connazionali, sparita la De Jong, sono discontinue assai. Per cui, dato che nel ciclocross in una gara singola tutto può succedere, Katie Compton può davvero aspirare a vincere il mondiale di inizio febbraio. Ma qual è la differenza tra lei e Froome? Perché il kenyanglo ha vinto 4 Tour e forse una Vuelta o forse no mentre l’americana non è mai riuscita a vincere il mondiale? La differenza è mostrata dal confronto tra queste due foto, entrambe del 2014.

Annunci