Perline di sport – Attraverso la RAI

Non c’è tempo da perdere, ci sono state le elezioni, sono stati eletti i Presidenti delle Camere, alla Camera bassa, più giovanile popolare e trasgressiva, mi pare abbiano eletto F*** , e alla Camera Alta, più aristocratica vecchia e saggia, mi pare Serbelloni Mazzanti Viendalmare, ma non sono sicuro perché seguo poco la politica. Adesso urge che si formi il governo, e la speranza è che Auro Bulbarelli, ritenuto vicino alla Lega, venga nominato al vertice della RAI e da lì sopra faccia trasmettere le corse belghe a reti unificate, e del resto sono le classiche del Nord, quindi sarebbe in linea con la Lega. Quest’anno ormai è andato ma la prossima stagione fiamminga vorremmo vederla interamente in RAI, cosa che in realtà si verificò nei primi anni 10 proprio per merito di Auro, l’unico, che io sappia, per il quale è iniziato il processo di beatificazione mentre è ancora in vita; di lui si ricorda anche il miracolo della resurrezione di Roberto Visentini. Fu così che allora potemmo rivedere la Gent-Wevelgem e il GP. di Harelbeke, ma anche classiche minori. Tra queste mi piacque subito la Dwars Door Vlaanderen (tradotto: Attraverso le Fiandre), che in quella occasione fu vinta da Nuyens, il quale poi si ripetè la domenica successiva alla Ronde. Ma di questa storia e della sorpresa di Ads ho scritto fin troppo, e allora ricordiamo l’edizione dell’anno dopo, vinta da Niki Terpstra grazie a una lunga fuga. Fu la prima vittoria importante dell’olandese che fino ad allora si era messo in luce soprattutto nelle 6 giorni, vincendone alcune in coppia con Keisse, oggi ancora suo compagno di squadra. Nonostante la pratica nei velodromi, Terpstra non è velocissimo, tanto che, alla fine di quello stesso 2012, alla Paris-Tours perse contro Marcato. Questo è un breve video inconcludente, sarebbe l’ideale per i caotici servizi di Beppe Conti.

Annunci