Un ragazzo alla pari

Dopo un po’ che si segue il ciclismo si capisce perché è uno sport così avversato da genitori e parenti degli aspiranti ciclisti. E’ storia che il padre di Nibali gli segò la bicicletta per punirlo di qualcosa, che però doveva essere nulla al confronto con quello che combinano Bibì e Bibò che si nascondono costringendo Capitan Puccio a far spostare mezzo gruppo per vedere dove siano finiti. In genere i genitori consigliano ai figli di drogarsi e andare a rubare come tutti gli altri, o in subordine di studiare e diventare stimati professionisti collusi con la criminalità, ma se proprio vogliono fare uno sport scelgano il calcio, che sono soldi, o uno sport meno pericoloso come l’automobilismo, ma meglio pure che diventino ballerini gay e bullizzati come Billy Elliot, ma assolutamente non ciclisti. Ci sono dei grandi vantaggi a praticare qualsiasi altro sport: si può avere una teoria estrema dei picchi di forma per cui fare due gare all’anno ma avere lo stesso le copertine dei giornali e fare spot pubblicitari, si può diventare fenomeni a 40 anni senza che nessuno commenti Ma questo/a da dove è uscito/a? Si vede che si dopa, si può essere polemici e rissosi ma quell’unica volta che si vince viene tirato in ballo quel comodo tormentone di genio e sregolatezza, una scempiaggine che ha lo stesso fondamento scientifico di donna baffuta sempre piaciuta, e a proposito di piacenza, si possono avere le spalle di un camionista e la simpatia di un camionista arrabbiato e diventare sex symbol. Ma c’è soprattutto un dato che spaventa: il ciclismo è una delle prime cause di mortalità tra genitori e parenti dei ciclisti. Almeno la metà dei ciclisti vittoriosi alzano un dito al cielo e non tutti vogliono ricordare Scarponi né omaggiare l’elicottero che gli ha rotto le scatole per tutta la gara, e infatti quando vengono intervistati i protagonisti svelano di aver perso da poco un genitore, un nonno o una nonna, uno zio, che in genere è proprio quello che più lo incitava a correre in bicicletta. E questo è un ulteriore problema per chi ancora studia, si sa che già la scuola è poco comprensiva nei confronti di chi fa sport, ma poi chi fa ciclismo non può neanche variare un po’ le scuse per le impreparazioni, e non può dire che, invece che a gareggiare, è andato al funerale del nonno, come fanno i ragazzi normali, perché sa che i parenti deve conservarseli per quando diventerà professionista. E a proposito di disgrazie il Giro oggi arriva a L’Aquila e il ciclismo, questo sport finto e da abolire, deve adempiere al compito sociale che si è dato, a differenza degli altri sport, quelli seri e puliti, e ogni giorno ricorda cause benefiche, eventi luttuosi, episodi storici. Il percorso è ondulato e la fuga va pure oggi. Dispiaciuto per quello che ieri ha scritto di lui questo blog, JJ Rojas si infila anche in questa fuga e per un po’ di tempo è maglia rosa virtuale, poi il gruppo riduce il distacco, ma i primi si giocano comunque la vittoria che va all’astano Pello Bilbao, e quando alla fine si fanno i conti (non nel senso di Valerio) si scopre che Formolo, terzo all’arrivo, in classifica ora è a pari tempo con Roglic. Sul palco si cantano le lodi di Bruno Reverberi che fa crescere i giovani, segnatevi i loro nomi che tra qualche anno ne parliamo, per 2 che passano nel World Tour quanti sono raccattati dalle continental o si ritirano? E mentre Giovannelli intervista i cosplayers di Garibaldi e Pinky, Conti ringrazia la squadra che ha lavorato per mantenere la rosa, escluso Gaviria che si è ritirato chissà se davvero per un male al ginocchio o per la cazzimma del velocista che è passato in secondo piano, e dice che non è stata una squadra ma una famiglia, e per quanto detto all’inizio Ulissi e compagnia staranno facendo gli opportuni scongiuri.

Dialogo tra un conduttore e uno scrittore .