agit-prop

Se qualcuno ha ancora il mito dei caffè letterari dove si riunivano gli artisti i poeti gli scrittori i canzonettisti e i filosofi e sui tavolini componevano le loro cose, dicono che a volte scrivevano sui tovaglioli forse perché per condurre un’adeguata vita bohémien non avevano soldi per la carta, ora con la riapertura dei locali dove si magna e si beve e con il ritorno della movida questo qualcuno può credere che ci sia un rifiorire della vita culturale.