L’Astana Liberata

All’alba di ieri le truppe di terra e di sottoterra della Premier Tech hanno liberato Astana e deposto lo Zar Alexander Vinokourov, prontamente sostituito da Giuseppe Martinelli, l’abile stratega apprezzato al Giro 2004 quando guidò con autorità Cunego e Simoni che si correvano contro, e affiancandogli Steve Bauer a sua volta apprezzato al Mondiale 1988 quando fece cadere Claude Criquelion e fu squalificato per la goduria del terzo che diventò primo: Maurizio Fondriest. Vinokourov temeva la congiura già da quando il suo braccio destro Alexander Shefer fu allontanato e costretto a trovare riparo nella Gazprom, come del resto si può constatare dai disastrosi risultati della squadra russa. Ora si pensa che Vinokourov lasci il Kazakhistan che tanto ha illustrato con le sue vittorie e le sue squalifiche e vada in esilio in Francia, dove potrà seguire il Tour nelle taverne nei bar e nei bistrot, purché si beva, semmai in compagnia di qualche altro grande decaduto, come il danese dalla fronte fin troppo spaziosa Bjarne Riis con cui ricordare i bei tempi andati (in prescrizione).