La Zeriba Suonata – 4 secondi in più

Se non conoscete Sufjan Stevens e volete informarvi seriamente andate pure sui siti specializzati, non mi offendo, perché se dico che è uno dei più importanti musicisti di questo secolo il mio parere non conta niente. Ma se volete trattenervi qui vi aggiungo che è uno dei pochi uomini in un periodo in cui le cose più interessanti vengono soprattutto dalle donne, forse perché le gentili pulzelle in percentuale sono meno legate al rock troglodita chitarra-basso-chitarra-batteria-chitarra-urla belluine-chitarra, anche se in questo genere direi che negli ultimissimi anni le cose migliori le ho sentite da Rosalie Cunningham che, a giudicare dal nome e soprattutto dalle porzioni anatomiche che fuoriescono dai suoi vestitini, non mi sembra proprio un uomo. Tornando a Sufjan Stevens, questo giovane 45enne è eclettico per indole, zompetta tra generi e tempi, e dopo le cose lente e acustiche di Carrie & Lowell e delle colonne sonore, è tornato all’elettronica, prima con il Lowell di cui sopra, suo patrigno e cofondatore dell’etichetta della gatta asmatica, e ora col suo nuovo album ufficiale ufficialissimo, intitolato The Ascension, un disco di 80 minuti e 4 secondi, i 4 secondi in più usufruendo forse di una deroga sulla lunghezza dei cd. Questa lunghezza è in parte dovuta al brano finale America di 12 minuti, ma io vi linko un pezzo più breve, che poi è la title track.

The Ascension

Just A Perfect Day

In questi giorni c’è stata la notizia di due positività, ma di quelle vecchio stile, il controllo per un giovane stradista e la squalifica di una meno giovane biker, e in altri tempi i media mediocri si sarebbero buttati su queste notiziole per fare titoloni a 9 colonne e ½ gridando Lo vedete che i ciclisti continuano a drogarsi? Ma ha fatto molto più notizia la positività al coronavirus di due girini, ed è curioso che al Tour c’era un regolamento molto rigido ma nessuna squadra è andata a casa, mentre qui c’è un regolamento più favorevole alla permanenza in corsa delle squadre coinvolte ma già due hanno fatto i bagagli. E sembra curioso anche che i due ciclisti positivi sono Matthews della Sunweb e Kruijswijk della Jumbo ma le squadre ritirate sono la Jumbo e la Mitchelton. La Sunweb ha Kelderman che in questa confusione potrebbe pure vincere il Giro e ha detto a casa andateci voi. La Mitchelton aveva già avuto il caso del gemello Simone, poi ieri è stata la volta di alcuni dello staff e per evitare che i ciclisti rimasti a turno si dispongano lungo la strada a passare il rifornimento ai compagni o la sera si aggiustino le bici da soli hanno salutato la carovana. La Jumbo Visma poteva restare, non dava fastidio, ma avendo perso l’unico uomo di classifica ha abbandonato con motivazioni non comprensibili, però pare che già nei giorni precedenti il capitano morale Altro Van Emden si fosse lamentato della presenza di estranei negli alberghi in violazione della bolla. Insomma per tornare a parlare della corsa ci voleva qualcosa di clamoroso, e allora diciamo che Peter Sagan ha scelto il giorno perfetto per intestardirsi a vincere e non in maniera ordinaria, ha fatto partire la fuga divertendosi con Ganna ad averla vinta contro gli inseguitori della Groupama, poi ha staccato i residui della fuga su uno strappo molto pendente, in discesa non ha rischiato e sul rettilineo d’arrivo ha chiamato la standing ovation. A intervistarlo c’era Mitraglia Rizzato a cui ha detto che ha vinto col suo stile e Rizzato, che già ai suoi inizi in RAI aveva avuto qualche incomprensione con lo slovacco, ha chiesto se si riferiva alla discesa, e a quel punto Sagan ci ha rinunciato e ha risposto in maniera quasi normale.

E dato che la tappa abruzzese è stata paragonata alla Liegi questa vittoria dimostra che aveva ragione chi, per esempio ci deve essere un mio post da qualche parte, diceva che Sagan può vincere anche le corse ardennesi. Anche per la classifica c’è stato un episodio importante in quanto Fuglsang ha forato negli ultimi km e ha perso più di un minuto, ma ora non può certo lamentarsi del mancato fairplay che nel finale di corsa sarebbe ridicolo, può solo lamentarsi dei gregari caduti nell’adempimento del loro dovere e del budget ridotto dell’Astana che deve fare economia e compra le ruote negli empori dei cinesi. Infine per chiudere la trasmissione televisiva ci voleva la poesia e lo scrittore parlante nella sua Cartolina ha accostato la bolla ai palloncini rosa che decoravano il percorso, e si sa che il palloncino c’ha la poesia incorporata, e chiedeva dove finiscono i palloncini, lasciandoci col dubbio se ci è o ci fa, intendo l’ingenuo: lo sanno anche i bambini che i palloncini finiscono nello stomaco delle balene. 

Weyes Blood – Perfect Day

Lou Reed – Kicks

Pedersen Pedersen og venner (=and friends)

Durante l’ultima tappa del Tour si videro Trentin e Roglic chiacchierare e forse parlavano della comune esperienza di una grande vittoria sfumata all’ultimo per colpa di un giovinastro imberbe. Ma proprio al Tour si è visto pure che l’ex campione del mondo Mads Pedersen è più forte di Trentin in volata, anche se in Francia non ha vinto ma ha fatto dei secondi posti in sprint di gruppo mentre bisogna onestamente ricordare che Trentin le sue 4 vittorie di tappa alla Vuelta 2017 le ottenne contro nessuno. Ma Trentin, che per tanto tempo non riusciva a digerire la sconfitta mondiale, ieri si sarà messo definitivamente l’animo in pace perché l’ancora giovane danese che è portato per le classiche di primavera, in particolare quelle sul pavé, alla prima classica primaverile d’autunno utile ha vinto dimostrando di non essere un nuovo Brochard e tra i battuti c’era proprio Trentin. Ma questo è l’anno dei danesi al punto che ieri c’erano due classiche per passisti veloci in contemporanea ed entrambe sono state vinte da ciclisti di cognome Pedersen. La Parigi Tours sta cercando di combattere la caduta del suo prestigio inserendo nel percorso gli sterrati che fanno tanto tendenza, ma la compressione del calendario l’ha penalizzata. Ma è stata lo stesso una bella corsa e i partecipanti hanno battagliato col brutto tempo e su un terreno accidentato, e in particolare tanto di cappello a Bardet e Barguil che non hanno fatto gli schizzinosi e snobbato una corsa non adatta a scalatori come loro e anzi hanno fatto pure bene piazzandosi in top ten, però il più forte era Cosnefroy che ha attaccato e tirato parecchio in fuga ma il suo problema è che si è portato dietro Casper Pedersen, perché è l’anno dei danesi e anche l’anno della Sunweb che correva per Kragh Andersen, che in verità per vincere avrebbe dovuto staccare tutti, ma è caduto e morto un danese se ne fa un altro. E la cosa sorprendente è che il danese di riserva, nonostante sia anche un pistard, ha lanciato la volata in testa e ha vinto lo stesso. Questa corsa in tempo di pace è anche un rito di passaggio perché in autunno vi tornano gli scenari e gli specialisti delle classiche di primavera e chiude la stagione tra le foglie morte lasciando spazio al ciclocross, e oggi è stata spettacolare e averla preferita alla prima parte dell’attesa tappa di Roccaraso è stata una buona idea perché al giro corrono come se ci fosse pure la quarta settimana mentre sarà già tanto se ne correranno due e mezza, e tra gli uomini di classifica i protagonisti sono stati un altro Sunweb, stavolta l’olandese Kelderman, e un altro danese, Fuglsang, che il giorno prima si sarebbe lamentato del fatto che proprio quando ha forato la Trek di Nibali ha attaccato, ma intanto a Roccaraso i due boreali hanno guadagnato alcuni secondini su Nibali. I giornalisti dicono che Fuglsang e Nibali non si parlano, Nibali dice che sono buoni amici, quando si dice che tra amici non c’è bisogno di parole. Ma per la tappa sono arrivati alcuni fuggitivi di giornata con Ruben Guerreiro che ha battuto Castroviejo, il quale ha dimostrato che Puccio non è l’unico Ineos che non riesce a vincere una tappa. Guerreiro ha tagliato il traguardo festeggiando e gesticolando in un modo che ricordava quello del suo compagno di squadra Bettiol al Fiandre, ma sembrava dire proprio io ho vinto qui e per di più con questa maglia qua che fa schifo, ed è un periodo in cui oltre agli sloveni e ai danesi vanno forte anche i portoghesi, in maglia rosa è ancora Almeida di cui Guerreiro dice di essere amico, ma soprattutto la settimana scorsa la Volta a Portugal è stata vinta dal figliol prodigo Amaro Antunes, ricordato non tanto per le imprese ciclistiche che nel world tour non si sono mai viste ma per il nome che si prestava a vari giochi di parole.

Esultanze parallele

Cure fai da te

Linus e La Gazzetta dello Sport in occasione del Giro d’Italia hanno realizzato un numero speciale intitolato Extralinus con racconti e fumetti su ciclismo e biciclette più alcuni classici (Peanuts e Calvin & Hobbes) che non hanno bisogno di pretesti. E tranne i classici che non hanno bisogno di commenti qualcosa di buono c’è, come ad esempio due raccontini di Giorgio Scerbanenco e il fumetto di Alessandro Tota, poi c’è anche una cosa per fortuna breve dello scrittore parlante ma non è la sua peggiore.

La Zeriba Animata – ma chi sono?

Ma chi sono i genitori di questi studenti che all’uscita dalle scuole si assembrano senza mascherine e scambiandosi le sigarette, sono forse quelli che un mese fa dicevano che abbiamo fatto i sacrifici stando chiusi in casa e non è giusto che vengono qui gli stranieri già infettati? E questi studenti chi sono, sono forse quelli che due anni fa il venerdì dicevano di voler salvare il mondo? Non hanno capito che per salvare il mondo bastava che non uscissero di casa né loro né i loro genitori?

Steve Cutts – The Man 2020

Steve Cutts è un disegnatore e animatore inglese che ha collaborato anche con Moby.

 

Troppe coincidenze che coincidono

Quando nel 2016 alle Olimpiadi di Rio la Van Vleuten è caduta ha vinto Anna Van Der Breggen e non Emma Johannson o Mara Abbott. Quando ai Mondiali del 2018 la Van Vleuten è arrivata al traguardo con un ginocchio rotto ha vinto ancora la Van Der Breggen e non la Spratt, e quando al Giro ultimo scorso la Van Vleuten in maglia molto rosa si è rotta il polso non ha vinto la Niewadoma che era seconda ma la Van Der Breggen che era terza. Poi l’altro ieri ai Mondiali a crono, in assenza della Van Vleuten, è toccato alla Dygert cadere ma non è toccato alla Reusser o alla Van Dijk vincere, a quello ci ha pensato Van Der Breggen. Oggi al Mondiale in linea la Van Vleuten è voluta partire con un tutore, quindi è venuta già rotta, e ha vinto la Van Der Breggen. Diciamo che nel ciclismo si può cadere anche per un errore, per aver rischiato troppo, e Anna Van Der Breggen, coerente con il suo modo di essere discreta, non esagera e non assume posizioni estreme, come ha notato la Borgato che ha invocato il divieto di pedalare sulla canna. E poi cosa vogliamo fare, verificare se è caduta qualche sua avversaria pure negli altri due Giri d’Italia vinti, nelle 5 Frecce Valloni, nelle 2 Liegi, nel Fiandre, nell’Amstel, nelle Strade Bianche, nel G.P. di Plouay, nella Course by le Tour, nell’Het Nieuwsblad, nell’Europeo in linea e in quello a crono e in tutte le altre corse che ha vinto, compresi ciclocross e mtb? Poi Anna qualche volta si è dovuta adattare a vincere in volata, ma spesso ha vinto con lunghe fughe come oggi. Peccato solo per il suo proposito di ritirarsi a fine 2021, manifestato prima che si tornasse a correre e dopo due anni in cui non sembrava più quella di prima, e semmai le vittorie recenti potevano far sperare in un ripensamento, ma proprio dopo la vittoria odierna ha confermato che vuole smettere per vedere cos’altro si può fare nel mondo. Dicevo di Giada Borgato, del suo lato “proibizionista”, e oggi ha dimostrato riflessi pronti, come quando le hanno chiesto che animali erano quei cuccioli inquadrati in qualche parco del cavolo e lei ha risposto dei begli animali. E quando alle 15 le hanno chiesto per che ora prevedeva l’arrivo della corsa ha riposto le 17 e l’ha centrato in pieno. Però essendo ormai parte della RAI le va meno bene con i pronostici specifici: ha detto che la Cecchini è una ciclista con le caratteristiche ideali per vincere un mondiale e dopo pochi secondi si è vista Elena staccarsi in fondo al gruppo e alla fine è stata l’unica italiana ritirata. Non hanno brillato neanche Guderzo, Magnaldi e Paladin. Quest’ultima in particolare, così come all’Europeo con la differenza che lì la strada era bagnata, l’abbiamo vista in fondo al gruppo in discesa; lei dice che è contenta di correre nel team di Marianne Vos e che da lei impara tante cose, ma forse col programma non sono ancora arrivate alla discesa. Molto bene Cavalli e Ragusa, come capita spesso con le debuttanti, ma nel ciclismo femminile italiano il problema sono l’organizzazione e gli stimoli per il prosieguo. E poi Elisa Longo Borghini che è arrivata a giocarsi il secondo posto in volata con la Van Vleuten, ha sprintato con cattiveria sfiorando la scorrettezza ma ha perso lo stesso, però è stata l’unica capace di inserirsi nel tris di Asse dell’ex Olanda, dato che poi quarta è arrivata la Vos. Sul podio sorrisi e abbracci, anche se non dovrebbero essere consentiti, e felicitazioni, ma potrebbe non durare, oggi l’Olanda ha fatto buon gioco di squadra, solo la Van Vleuten quando è partita la vincitrice ha cercato di inseguirla rischiando di portarsi dietro anche le rivali però dopo si è subito adattata, cosa che le consentiva di non tirare negli inseguimenti vari, e dato che per la seconda volta dopo l’Europeo Elisa si è trovata a sprintare con lei, che era meno affaticata per non aver lavorato, e ha sempre poi perso, va bene gli abbracci ma vista la cattiveria di Elisa in volata la prossima volta capace che glielo rompe lei l’altro polso.

Il Grand Tour

Col calendario siamo arrivati alla sovrapposizione, o piuttosto alla convivenza perché si cerca di differenziare gli orari di arrivo, di due corse a tappe del World Tour. Non è una novità, negli anni scorsi capitava con la Tirreno-Adriatico e la Parigi-Nizza o con il Giro d’Italia e il Giro di California, ma stavolta l’ingombro tocca il Tour de France che deve convivere con la corsa marittima. E però finora in due non fanno lo spettacolo di una, in Italia c’è la fuga pubblicitaria delle squadre minori e in Francia le cadute, e poi c’è la volata. In Francia dopo il riposo vince finalmente Bennett che si commuove al punto che pensavo avesse pure lui un morto da ricordare come spesso chi vince e invece no, era solo felice. In Italia invece due vittorie di Ackermann che quasi sembrava già in declino, ieri diciamo normale ma l’altro ieri sfiorando più volte le transenne e avendone molti elogi, ma a pensarci bene, anche se il rischio era solo suo ma poi va a sapere cosa succede quando uno cade, mi viene il dubbio che non sia il caso di elogiare uno che rischia così tanto, in fondo quando Froome mostrò al grande pubblico un modo mitteleuropeo di andare in discesa che a detta di molti è assai pericoloso fu criticato perché era un cattivo esempio. E dire che sempre più spesso si criticano i percorsi, soprattutto i km finali, perché pericolosi, e forse proprio per evitare cadute nella corsa marittima ieri Fuglsang se ne stava in coda tranquillo a guardare il paesaggio. Dopo aver vinto il Lombardia e aver confermato di andare meglio nelle corse in linea, Fuglsang ha detto che vuole provare a centrare un podio in uno dei grandi giri, che, per chi fosse a digiuno, sono i giri di Italia Francia e Spagna che dagli addetti ai lavori sono identificati con la sigla “GT” che sta per Grand Tour, e in attesa di quello ciclistico forse il danese si faceva un po’ di quello culturale, come in altra epoca fecero Goethe e altri famosi perdigiorno. Ma non sarebbe un problema perché non si è mai sentito di un ciclista ritiratosi per la Sindrome di Stendahl. Piuttosto in questi giorni il rischio è per il coronavirus e proprio l’altro ieri in Francia sono stati tamponati tutto il peloton e gli staff delle squadre e i ciclisti sono risultati tutti negativi. A casa è andato il gran capo Prudhomme ma non è una grande perdita. E in attesa di tappe spettacolari anche il pubblico potrebbe guardare il paesaggio, in Italia si è attraversata la Toscana e in Francia c’è stata una tappa storica perché per la prima volta sono partiti da un’isola per arrivare a un’altra percorrendo uno spettacolare ponte che speriamo non sia stato visto dai politici italiani che hanno riesumato l’idea di quello sullo Stretto, ma dicevo per gli spettatori italiani la visione del paesaggio è resa difficoltosa dalla RAI che con due corse e due reti a disposizione ha risolto il problema a modo suo, cioè ingarbugliando e pasticciando tutto con continui cambi di corsa e di rete quindi niente di nuovo.

Affinità elettive.

Carriere e coccodrilli

Il Tour di quest’anno non passa per Albi ma per chi volesse sapere qualcosa del massacro dei Catari nessun problema perché si arriva a Lavaur, dove ne furono mandati al rogo 400, e l’occasione è gradita per un ripasso. Meno male che lo scrittore parlante che in genere si diverte con l’aneddotica macabra non ci dice pure la sua, ma quello che mi chiedo è se sono quelli della RAI che non perdono occasione per mettere in cattiva luce la Chiesa Romana più di quanto non faccia essa stessa o se sono quelli del Tour che ci tengono, e come al Giro ogni anno si ricordano Coppi Bartali e Pantani al Tour ricordano Desgranges e gli Albigesi. Stavolta c’è una doppia coincidenza. La prima è personale, in questi giorni stavo mettendo un po’ di ordine tra i libricini piccoli, tra i quali ci sono molti, pure troppi, Millelire, che compravo quasi all’ingrosso senza stare a selezionare, e tra questi ce n’è uno sui Catari che dimostra la furbacchioneria di Stampa Alternativa: infatti questo che viene presentato come racconto è solo un estratto da un libro ben più grande di C.R. Maturin che un’altra casa editrice avrebbe pubblicato, e in quanto tale sembra inconcluso, insomma è come quegli estratti omaggio che pubblicizzano i libri in uscita solo che in quel caso la pubblicità si pagava pure.

La seconda coincidenza è che la tappa catara ha visto un massacro, per fortuna solo ciclistico, perché doveva essere una tappa tranquilla, ma non si può mai dire, succede che soffia il vento e possono partire i ventagli, e infatti la squadra tedesca Bora fa il diavolo a quattro, ma in senso figurato, non il loro connazionale che nonostante il covid anche quest’anno segue la corsa e mi viene il dubbio che se non in quattro si sia fatto almeno in due perché c’è una cosa che non capisco, cioè non mi spiego i salti che fa per l’età che dovrebbe avere. La Bora invece una cosa l’ha capita: Sagan ha due obiettivi, la maglia verde della classifica a punti e se possibile anche una tappa, ma si è capito che non è più in grado di battere i velocisti e per vincere deve farli fuori, e con quell’attacco molti velocisti si staccano, poi in un secondo momento altre squadre pensano di far fuori qualche uomo di classifica, non tanto Landa e Porte che in genere si fanno fuori da soli, ma Pogacar, e poi già che ci sono qualche altro velocista, e alla fine dopo tutta questa fatica Sagan non vince uguale, quello lo fa Van Aert che ormai ha raggiunto la statura da campione e tanto di cappello, però se qualche inimicizia è difficile che se la faccia la Bora che ha lanciato il fatale attacco ma ha fatto la sua corsa, la Jumbo non penso faccia simpatia nel peloton perché vuole vincere un po’ troppo, e se imposta la corsa come faceva in passato la Ineosky non dimentichiamo che gli inglesi per l’obiettivo principale hanno saputo anche sacrificare le vittorie parziali, costringendo Cavendish e Viviani a cambiare squadra e oggi sacrificando e anche consumando Kwiatkowski. Ma la Ineos sta cambiando ed è stata proprio diversa alla Coppi e Bartali dove ha vinto con uno scalatore, che sembrerebbe una cosa normale ma invece non lo è perché Narvaez si è scoperto veloce e ha vinto non per distacco ma con gli abbuoni. E poi hanno bisogno di ricambio, cercano giovani e si dice che ingaggino anche il fenomeno Tom Pidcock, ciclocrossista biker e vincitore della Roubaix under 23 che è la corsa più adatta ai fuoristradisti, però ha come idolo Wiggins che all’opposto veniva dalla pista, ma il sogno comune è il Tour e Pidcock già si è messo avanti col lavoro e ha perso peso, strada facendo ha vinto il Giro Under 23 prendendosi anche la tappa conclusiva col Mortirolo perché è uno che programma il futuro e pensa a quando sarà vecchio e agli amici del Pub dello sport potrà raccontare di quella volta che ha vinto su quella salita famosa. Però il mondo professionistico sarà diverso e già qui la sua ingordigia può aver dato fastidio: il suo compagno di fuga Vandenabeele alla fine della tappa l’ha applaudito ma non si capisce se per ammirazione o ironicamente avendo sperato che gli lasciasse la vittoria di tappa, e del resto Pidcock sembra uno smargiasso, per dire ha tagliato il traguardo dritto in piedi sui pedali, se il suo idolo è Wiggo speriamo non diventi pure mod e rompa anche lui con il rock e le lambrette e tutto quell’armamentario da lasciare in soffitta una volta per tutte, ma in fondo nel ciclismo ogni tanto c’è bisogno anche di qualche villain. Tornando alla Ineos, ci sono ciclisti ormai vecchi ma anche dei giovani che hanno subito mostrato i propri limiti, come Sivakov che cade spesso e non sa andare in discesa, però mai come il connazionale Zakarin, e qui arriviamo alla prima tappa pirenaica. C’è la classica fuga di uomini fuori classifica e sulla penultima salita passano in testa Peters e Zakarin, coppia male assortita perché il primo è bravo in discesa, come del resto tutta la sua AG2R tranne uno, e va a vincere, e forse a 26 anni è ancora presto per dirlo ma sembra avviato a essere uno di quei classici corridori che per qualche anno riescono a centrare tappe nei grandi giri e nient’altro, poi passati i pochi anni favorevoli continuano a tentare la fortuna ma non gli riesce più. A Zakarin invece non riescono le discese, è storia vecchia, le fa brutalmente brutte senza gli arabeschi di cui è capace il maestro del brivido Alexander Geniez, ed è già tanto che arrivi sano e salvo al traguardo. Tra gli uomini di classifica sembra non succedere molto, la Jumbo è la squadra più forte ma forse per mancanza di avversari, ma i colpi di scena arrivano lo stesso. Quest’anno prima del solito è arrivato un momento che è ormai diventato classico: la crisi di Pinot e quando non è una crisi psicologica sono i postumi di cadute e lui cade spesso, ma secondo me da lui non c’era da aspettarsi più niente già dopo il Delfinato in cui si è trovato inaspettatamente in testa per il ritiro di Roglic e anche allora, nonostante il minore prestigio della corsa, c’è stato il solito psicodramma. Poi sull’ultima salita attacca Pogacar e Roglic lo lascia andare dimostrando che non ha imparato bene la lezione di Carapaz al Giro dell’anno scorso. Invece Pancani sta imparando a convivere con lo scrittore parlante e si diverte a coglierne le contraddizioni, come quella sugli animali prede, che a sentire lo scrittore a volte sono poveri e a volte uno spettacolo della natura. E a proposito di animali, si passa dalle parti di una chiesa dove c’è un coccodrillo appeso al soffitto, Pancani chiede se ci siano casi del genere anche in Italia e lo scrittore dice che ce ne sono due, ma dato che a letture di fumetti è messo male, credo Bonelli e Bunker, non può ricordare la bella storia Il santo coccodrillo di Jerrry Kramsky e Lorenzo Mattotti adattata pure per il cinema di animazione come episodio del film collettivo Peur(s) du noir. Paure, traumi, blocchi psicologici, chissà cosa affligge Pinot. E idem da qualche anno per Fabio Aru che nella seconda tappa pirenaica si ritira e Beppe Saronnni, contattato dalla RAI, più che prendersela con Aru di cui però riconosce i limiti caratteriali che sono ormai acclarati, accusa chi nella squadra ha deciso di portarlo al Tour quando era evidente che non era in forma. Quel Saronni che diede una svolta alle carriere di Tonkov prima e di Simoni poi ormai nella UAE ha solo un ruolo di rappresentanza, tipo Mattarella, solo che a differenza del Capo dello Stato quando parla non fa il compitino correttino e precisino ma accusa attacca ironizza e non è per niente diplomatico, quello gli riusciva solo quando faceva il commentatore per la RAI e forse in quel ruolo è stato il migliore, e oggi le sue accuse sono arrivate fino in Belgio dove Het Nieuwsblad le ha comunicate al popolo fiammingo. Ora Aru può pensare a prepararsi per correre il Giro ottobrino, ma forse è troppo presto, allora la Vuelta novembrina, o forse è presto anche per quella, e allora facciamo direttamente l’Herald Sun Tour, no quello no perché è la prima corsa cancellata del 2021, o forse sì proprio per quello. Ma il Tour può fare a meno di Pinot e di Aru, anche se per Saronni la UAE perde un aiuto importante per Pogacar che per lui è un grande talento naturale, ma dicevano lo stesso pure per Aru, comunque la tappa viene spettacolare, della fuga di giornata resta davanti il giovane svizzero Hirschi che rischia di fare l’impresa e tutti a elogiarlo e a dire che ha un grande futuro, ma dicevano lo stesso pure per Aru, e i big solo negli ultimi 2 km raggiungono lo svizzerotto che non tenta il tutto per tutto per arrivare da solo sperando semmai che dietro si guardino, anche perché dietro si guarderanno pure ma tirano tutti, ma gioca d’azzardo rifiata un attimo e si fa riprendere per potersela giocare allo sprint, più che Lutsenko alla Tirreno Adriatico dell’anno scorso, e quasi ci riesce, se fosse partito più tardi, se non fosse partito dall’ultima posizione, bah, vince Pogacar davanti a Roglic, i due sloveni si rispettano ma si danno battaglia, e se al mondiale faranno gioco di squadra sarà difficile batterli. Oggi c’è il riposo, tamponi per tutti, e un sospettino viene, o meglio un timore, perché, ammesso e non concesso che Merckx e Pantani in epoche diverse siano stati vittime di complotti per farli fuori dal Giro, forse sarebbe ancora più facile eliminare qualcuno con una positività fasulla non al doping ma al coronavirus, ma per temere problemi in materia non c’è bisogno di pensare a complotti, bastano i ritrovati tifosi invadenti sulle salite, in particolare sul Peyresourde dove non c’erano né distanziamento né mascherine e si avvicinavano ai ciclisti pericolosamente, ma certo un elefante come il Tour non è facile da gestire. Più facile col giro under 23, dove semmai si potevano evitare le ridicole gomitate ma sul palco erano tutti con le mascherine, comprese le miss di cui non si è potuto mai vedere il volto, due belle ragazze che potevano essere notate da qualche produttore e scritturate per girare uno spot di qualche assicurazione facile o di qualche vino nel tetrapack e invece niente, carriere stroncate dal coronavirus.

Fotogramma da “Peur(s) du noir”.

Ridotti all’ossimoro

Avrete saputo che nei giorni scorsi nel Parco della Reggia di Caserta è morto un cavallo che trainava un calesse per turisti pigri. Forse la gente dovrebbe assecondare un po’ di più le proprie inclinazioni e chi è pigro dovrebbe starsene a casa sul divano e i monumenti vederli nei documentari. Se invece le persone si fanno il giro in carrozza a guisa di aristocratici per ostentazione, per fare i grandi, allora sarebbe comunque meglio che come misura precauzionale, direi perfino igienica, se ne stessero ugualmente a casa, oppure se proprio si ritengono tanto grandi che si facciano la loro reggia personale e dentro ci facciano quello che gli pare, ci scorrazzino con una carrozza trainata da varani di Komodo, basta che non vadano in giro. Voi direte che ci sono anche persone che hanno problemi a camminare, e avete ragione pure voi, ma per quelli c’è anche un servizio di navette, e peccato che l’architetto Luigi Vanvitelli non pensò pure a una linea di metropolitana, il massimo del progresso è una specie di ascensore all’interno del Palazzo. Purtroppo la Direzione non va nella direzione che auspicherei, anche perché i cosiddetti Beni Artistici Eccetera hanno come obiettivo principale quello di staccare biglietti, tanti biglietti, e sostituirà il servizio di carrozze a cavallo con le golf-car, così quelli che vogliono fare i grandi potranno sentirsi come Tyger Woods e fantasticare di congiungersi carnalmente con Lindsey Vonn. A proposito di storie erotiche, chi non è pratico del Parco della Reggia deve sapere che i vetturini dicevano agli sprovveduti turisti che avrebbero potuto vedere tutto il parco ma non è vero perché a un certo punto, poco oltre la metà, c’è una curva in salita troppo ripida, e forse lo sarà anche per le golf-car, e quindi lì le carrozze non arrivavano, tagliando fuori dal giro, oltre al suggestivo Giardino Inglese, le ultime fontane tra le quali spicca quella che raffigura l’episodio mitologico di Diana e Atteone.

Il Bagno di Venere nel Giardino Inglese: si lavavano molto queste divinità.

Diana era la Dea della caccia e stava esercitando la sua specifica funzione quando per il troppo caldo si spogliò per farsi un bagno, ma nei paraggi gironzolava Atteone, che era un suo collega perché si sa che l’uomo è cacciatore. Atteone non poté fare a meno di vedere la Dea in quella diciamo inedita veste, Diana se ne accorse e temeva una revenge porn con la tecnologia dell’epoca, cioè che Atteone andasse in giro a raccontare quello che aveva visto, ma qualcuno sospetta pure che tra i due ci fosse un’accesa rivalità venatoria, così per risolvere i suoi problemi lo trasformò in cervo, grazie ai suoi superpoteri, perché la faccenda di superpoteri e superproblemi non pensate che l’hanno inventata quelli della Marvel. Atteone non si accorse subito della sua metamorfosi anche perché non era reduce da una notte agitata ma se ne avvide solo guardandosi in una fonte, ma purtroppo per lui neanche i suoi 50 cani 50 lo riconobbero e lo sbranarono.

E pensavo che la civiltà di questa parte di mondo non ha fatto un grande affare ad abbandonare il simpatico carrozzone dell’Olimpo con tutti quei dei e semidei che ne combinavano di tutti i colori e quante ancora ne avrebbero combinate a cominciare da quel vecchio porco di Giove, per sostituirlo con le tristi religioni monoteiste basate su sofferenza penitenza e odio per la concorrenza perché l’espressione “dialogo interreligioso” è solo un ossimoro grandioso .