che poi uno può rimanere deluso

Ma forse per pubblicizzare il campionato del pallone mandano video con Piola o Riva? Perché il ciclismo deve sempre guardare al passato e alle sue leggende a volte romanzate a volte plausibili come l’accecamento di Polifemo? E hanno fatto questo spot sì con i ciclisti morti ma con questa atmosfera idealizzata che sembra il corrispettivo ciclistico di quelli del Mulino Bianco. Secondo me bisognerebbe presentare quello che verosimilmente si può verificare, basterebbero un allungo in discesa di Nibali o una volatina di Calebino. E perché alla RAI hanno preso il vizio di replicare delle azioni di corsa virate in bianco e nero come a dire sembrano imprese del ciclismo eroico ma poi se lo fanno così spesso vuol dire che sono imprese anche di questo ciclismo qua? E non pensano che uno semmai si aspetta le imprese eroiche su quelle salite che oggi non fanno neanche più selezione e poi dopo ci può anche rimanere deluso? 

Corse contro il tempo

Quando per la normativa anti-covid la Svizzera ha rinunciato a ospitare i mondiali di ciclismo, l’UCI ha dovuto fare una corsa contro il tempo per trovare un paese che si pigliasse la rogna ed è stata ben contenta quando l’Italia tra le varie località ha proposto anche Imola con un circuito chiuso come l’autodromo. Così l’UCI gongolava da un lato per aver risolto il problema e l’Italia, organizzatori e Federazione, gongolavano dall’altro vantandosi di aver vinto questa gara tra kamikaze. E adesso ogni giorno questi ultimi si autoincensano in diretta RAI, ma intanto oggi si poteva notare che, mentre in Francia durante il Tour il pubblico accorreva spontaneo e a volte illegale, invadente ma per lo più con le mascherine, per contro i pochi entrati nel circuito imolese erano tutti senza mascherina come fosse il dress code. L’UCI aveva detto ai candidati che delle categorie giovanili si faceva a meno, l’importante era che si svolgessero le prove in linea élite, la crono insomma era facoltativa, ma gli italiani, ricordandosi di Filippone Ganna, hanno detto non scherziamo, facciamo anche la crono, siamo ospitali, e chissà se per ridurre i tempi della gara o per venire incontro alle caratteristiche di un ciclista che è abituato a correre in pista sui 4 km, hanno proposto il percorso più breve dell’altrettanto breve storia del mondiale a crono, comunque il percorso è stato accettato, e quello che mancava in quella breve storia è arrivato: la prima vittoria di un italiano. Qualcuno dirà che vabbe’ c’erano tanti assenti e c’erano altri non in forma o stanchi dal Tour, ma questo è sempre successo ai mondiali e, per dire, negli anni olimpici e quindi con più impegni sembra sia più facile vincere un mondiale a crono e questo non è anno olimpico, e poi in gara c’erano pure il fenomeno Van Aert, Kung ex erede di Cancellara, il favorito del Giro Gerainthomas, il campione uscente Dennis, quello sconclusionato del primatista dell’ora Campenaerts, il bruco di Maastricht Dumoulin, “altro” Van Emden e mi pare che bastino questi.

Filippo

Dato che nel ciclismo si vive spesso di ricordi e leggende di tempi eroici e che c’è in giro uno spot che unisce ciclisti vivi, pochi, e morti, tanti di varie epoche, forse è opportuno precisare che il primo a vincere il mondiale a crono non è il primo ad aver vinto il Giro d’Italia, che infatti si chiamava Luigi e nello spot mortuario ci sarebbe stato bene. E dato che gli italiani hanno una memoria non selettiva, ma a singhiozzo e partigiana, è opportuno ricordare anche che Ganna corre nella Ineos, ex Sky, la squadra antipatica, scostante, che ammazza le corse e non fa spettacolo, troppo fredda e scientifica, e che ottiene delle vittorie pure sospette, soprattutto quando non ci garbano e non era oggi il  caso, la squadra in cui correva Viviani quando ha vinto l’Olimpiade, ma se Ganna invece avesse corso in una squadra italiana, del paese che si vanta si vanta ma di che non si capisce, non so se arrivava fin là.

Luigi

Sventure

Ci sono dei personaggi nel ciclismo o attorno ad esso che fanno un po’ paura. Ad esempio chi ha pensato lo spot del Giro d’Italia. C’è Vincenzo Nibali che esce di mattina per allenarsi e si trova in una nebbiosa brughiera e col diradarsi della nebbia vediamo uno sparpaglìo di ciclisti morti e alla fine tutti insieme raggruppati in un funereo plotone passano vicino a una serie di croci, e non so che idea hanno del ciclismo e quale ne vogliono dare i creativi del caso. Però in questa terra sventurata che ha bisogno di eroi e che ama la retorica e il melodramma e, fatto non secondario, pratica la piaggeria estrema, il video è stato da molti elogiato. In realtà in quel plotone ci sono due ciclisti ancora vivi, Moser e uno che dalla maglia e dal fatto che si accompagna con Gimondi si direbbe Merckx anche se non gli somiglia troppo, ma in ogni caso consiglierei a lui, a Moser e anche a Nibali di fare gli scongiuri. E a proposito di scongiuri, c’è una ciclista che inizia a far paura, ma non nel senso della retorica sportiva, perché Anna Van Der Breggen è forte, fortissima, ma non è questo il punto, ha iniziato quando dominava la Vos, poi è arrivata la Van Vleuten, poi è tornata la Vos, ma intanto Anna toma toma cacchia cacchia ha accumulato medaglie e trofei abbondando in qualità quantità e varietà. Le erano rimasti da vincere il campionato nazionale in linea e l’europeo e il mondiale a crono e in poco più di un mese ha ottenuto pure questi titoli, ma la cosa inquietante è come ha ottenuto le ultime due vittorie. Al Giro la scorsa settimana era terza ma la dominatrice Van Vleuten è caduta e si è rotta il polso e superare la Niewadoma è stato un gioco da ragazze, ieri ha al Mondiale a crono la favorita Chloé Dygert era in testa ma è caduta in un fosso anche se non è detto che avrebbe vinto perché Anna era in forte rimonta, però ricordando che anche alle Olimpiadi l’ex olandese ha vinto dopo una caduta della Van Vleuten verrebbe da pensare a male ma noi non crediamo in queste cose. Invece crediamo, speriamo che le altre cicliste, anche se si dice che gli sportivi sono scaramantici, non siano superstiziose, ma probabilmente, quando alla fine del 2021 Anna Van Der Breggen si ritirerà come anticipato, le cicliste tireranno un sospiro di sollievo.

Anna Van Der Breggen nel 2014 in maglia ciclamino, colore che porterebbe fortuna, a lei ovviamente.

Ultime curiosità da Parigi

È curioso accorgersi che finisce il Tour e a seguire invece del clou dell’estate c’è il campionato del pallone. È curioso vedere all’inizio della diretta che il gruppo, anche se non ancora arrivato a Parigi, è allungato come fosse una classica, ma per la faccenda del covid è proibita la promiscuità di interviste, foto di rito e brindisi incrociati, anche se all’insaputa della RAI gli sloveni Pogacar, Roglic, Polanc, Mohoric e Mezgec hanno fatto una foto di gruppo come l’anno scorso i colombiani per analoga occasione. Nelle prime fasi di corsa viene inquadrato Trentin che parlotta con Roglic, i due sono accomunati da sconfitte cocenti, e chissà che Trentin pensando al secondo posto di Roglic non si consoli un po’ per la faccenda del mal comune. Ci si chiede come e perché ha vinto Pogacar, e qualcuno dice che Roglic nella crono ha dovuto modificare la sella e per questo era scomposto, e sarebbe grave che la Jumbo si fosse persa per una cosa del genere, oppure che Roglic cala nella terza settimana, e in tal caso deve assolutamente tornare alla Vuelta che quest’anno è in versione light e dura due settimane e mezza, magari il Giro l’avesse emulata. Si dice che la fortuna di Pogacar è stato il ritardo nella tappa dei ventagli, e in effetti, se avesse preso la maglia gialla, come avrebbe fatto la sua mezza squadra a controllare la corsa, chi lo avrebbe scortato in salita, Kristoff? Si ricorda che la bici del vincitore è di Colnago, proprio nell’anno in cui ha venduto la Ditta e non si capisce che ruolo continua a svolgervi, ma di sicuro dispone di telai del colore delle varie maglie pronti per essere inviati al ragazzo fenomeno che è buono bravo bello intelligente umile e maturo, proprio come Bernal l’anno scorso. Ma in realtà il  vero segreto di Pogacar ce lo svela Garzelli, in collegamento dalla Casa di Riposo Studio RAI, quando ricorda che nell’ultima cronometro della Vuelta dell’anno scorso Pogacar diede 1’30 a Valverde e 1’40 a Pogacar, e capirete che uno che dà un distacco del genere a sé stesso non è un ciclista qualunque, e soprattutto questa sua ubiquità ben si concilia con il fatto che al Tour ha vinto 3 maglie.  Ecco, la RAI è la vera jattura per gli spettatori italiani, dicono che bello il passaggio del gruppo nel Louvre e lo sfumano per mandare la pubblicità, oppure parlano di funghetti a 10 km dalla conclusione con Van Avermaet in fuga. L’ultima tappa più di tutte è uno strazio con mille commenti, spesso inutili, e forse sarebbe il  caso di indire un referendum per il taglio dei commentatori RAI, e poi riassunti, ricordi, non sempre tempestivi (per Gianni Mura morto 6 mesi fa non potevano trovare un’altra occasione?), ringraziamenti, autoindulgenze, indulgenze plenarie e ogni altra occasione che torna buona pur di non parlare della corsa di cui non so quanti km effettivi hanno fatto vedere, perché il problema non è solo quello che dicono, basterebbe azzerare l’audio, ma quante volte staccano le immagini per altrove. E dato che come spettatore del ciclismo a me piacerebbe vedere innanzitutto la corsa in corso, mi chiedo se interessa anche a loro che col ciclismo ci campano, a volte sembrerebbe di no. Ridendo e scherzando si arriva alla volata e vince Bennett che si porta a casa pure la maglia verde, l’unica non vinta da Pogacar, con l’annessa soddisfazione di strapparla a Sagan che fino all’anno scorso era suo compagno di squadra, una compresenza che in pratica impediva a Bennett di essere selezionato per il Tour.

E lei è il segreto più noto di Pogacar: la fidanzata che, al netto degli accenti e altri segni grafici, si chiama Urska Zigart, corre nella Alé BTC Ljublijana e quest’anno ha vinto il titolo sloveno a cronometro, è arrivata decima nel Tour de l’Ardéche e 78esima nel Giro Rosa.

un traguardo volante

Dicono che 60 anni è un bel traguardo ma ora che l’ho tagliato spero che sia un traguardo volante e si continui per un altro po’, e non vorrei pretendere troppo ma spero che i GPM siano alle spalle. In 60 anni se ne vedono di cose ma, forse l’ho già scritto da qualche parte, sono sempre meno propenso a rimpiangere e mitizzare il passato e non mi è mai piaciuta l’espressione “ai miei tempi”, e questo non per fare il sempregiovane, non sarei credibile e non mi interessa, non ho mai voluto sembrare chissà chi, non mi interessa il parere degli altri né essere accetto in qualche ambiente o giro, ma non rimpiango il passato proprio perché l’ho visto e non è che c’è tanto da rimpiangere, c’erano cose positive e negative più o meno come ora, in qualsiasi  campo. Ad esempio nelle città ora l’inquinamento ambientale te lo dicono le centraline, decenni fa non era necessario perché lo smog si poteva vedere e forse pure toccare, te ne tagliavi un pezzo e lo portavi ad analizzare, negli alimenti c’erano i coloranti e conservanti, c’erano i giradischi su cui i dischi un po’ suonavano e un po’ saltavano, c’erano le siringhe di vetro e metallo, e non le tiro in ballo perché ne abbia fatto grande uso ma perché visti i rimpianti per gli oggetti del passato mi fa ridere pensare a quell’accidente lì. In Italia c’erano scuole impregnate di cultura risorgimentale e subdolamente classiste, e poi c’erano politici presentabili (alcuni), che avevano studiato (alcuni) ma che non hanno creato una cultura della cosa pubblica ma solo quella delle clientele e in più hanno fatto crescere e prosperare la criminalità organizzata. C’erano le ideologie e c’erano i ragazzi che le seguivano o credevano o fingevano, l’importante era acchiappare le ragazze e picchiare i ragazzi delle ideologie di fronte, e in tanti arrivavano a simpatizzare perfino per i terroristi. Oggi ci sono le fake news ma allora c’erano tante bugie su tutti i giornali e in tutti i telegiornali nessuno escluso e anche nei testi di quelle scuole risorgimentali. Poi c’era la cosiddetta cultura, quella in senso stretto, e gli influencer degli scorsi decenni volevano i libri e i film che trattassero di problemi problematici, ma mi pare che i maggiori rimpianti siano per la tivvù, educata ed educativa, o forse solo puritana, poi sono arrivate la pubblicità e le donne nude, e lì i Grandi Autori di Cinema d’Autore si sono ingelositi perché delle donne nude volevano l’esclusiva. C’è un ricordo locale che secondo me può spiegare la fascinazione per la tivvù di una volta. Le trasmissioni sono iniziate nel 1954 e ci sono voluti altri anni perché gli apparecchi si diffondessero nelle case, e credo che fino agli anni 90 ci siano stati un orario di inizio e uno di fine trasmissione, ma negli anni 60 e nei primi 70 si iniziava nel pomeriggio e si finiva di sera, tranne eccezioni, e ricordo il monoscopio e la voce di un’annunciatrice che interrompeva la musica e diceva siamo in attesa di collegarci col Giro d’Italia. Fino ai primi anni 70 in occasione della Fiera della Casa di Napoli trasmettevano, presumo solo in Campania, un film ogni mattina per tutta la durata della fiera, e nonostante fosse giugno ovvero l’inizio delle vacanze e si potesse fare qualsiasi altra cosa ci mettevamo a vedere quel film fosse uno comico con Totò o una storia strappalacrime, perché era una cosa nuova, che non esisteva, la tivvù era una cosa nuova, quella mattutina ancor di più. Ma oggi quando vedo qualche spezzone di vecchi varietà o qualche filmato di Carosello spesso mi chiedo ma davvero? E poi oggi c’è il famigerato internet, dove paradossalmente scrivono tanti del settore rimpiantistica e accusatori di internet medesimo, grazie al quale posso fregarmene dei palinsesti tutti uguali delle reti tivvù. E per l’eventuale futuro sono fiducioso di poter vedere ancora belle corse, non eroiche perché non mi interessa ma solo belle, di poter sentire ancora bella musica e non sarebbe male se a comporla ci riuscissero ogni tanto pure gli uomini, e di poter leggere ancora bei fumetti, forse tra tutti il mezzo che ha più potenziale da esplorare, purché non si limitino a supereroi e biografie, ché vanno molto quelle di personaggi del passato, e il fatto che spesso quei personaggi siano morti tragicamente e misteriosamente vuol dire che forse quei periodi non erano tanto mitici.

Storie intrecciate

Uno è Richard Carapaz che l’anno scorso ha vinto il Giro d’Italia, e in genere chi vince il Giro al giro successivo, nel senso dell’anno dopo, punta al Tour de France. Ma Carapaz viene irretito dai soldi della Ineos, squadra piena di campioni, e almeno per stavolta per lui non c’è spazio al Tour. Poi succede che quei campioni con diritto di precedenza non sono in forma e Carapaz che stava preparando il Giro viene richiamato d’urgenza per il Tour, sacrificando la possibilità di bissare il successo in Italia e correndo in Francia senza preparazione specifica. L’altro è Michal Kwiatkowski, che alcuni in Italia si ostinano a pronunciare Chiattoschi. Le sue vicende ciclistiche si sono intrecciate spesso con quelle dell’amico e rivale Sagan e c’è stato un periodo in cui sembrava essere lui il vero fenomeno vincente, ha vinto per primo il mondiale e ha beffato l’amico a Harelbeke e a Sanremo. Ma prima il polacco e poi lo slovacco sembravano essere già sul viale del tramonto, anche se mitteleuropeo e non hollywoodiano. Sagan in questo Tour, dopo due settimane di tentativi, sembra essersi arreso, mentre Kwiatkowski sembra ritrovato avendo lavorato molto e bene per la causa di capitani smarriti. Lo svolgimento della tappa odierna è stato tale che si sono ritrovati in testa Carapaz e Kwiatkowski sicuri di arrivare al traguardo senza terzi incomodi, Carapaz che ha sacrificato il Giro per la squadra ed è in fuga per il terzo giorno consecutivo e Kwiatkowski che ha rischiato di sacrificare una carriera per fare il supergregario in più edizioni del Tour e oggi forse ha lavorato di più. Ora se Gianni seguisse il ciclismo chiederebbe alla sua amica Susi chi dei due deve vincere e chi deve lasciare la vittoria all’altro, ma anche se Susi avesse la soluzione del quesito non potrebbe comunicarla agli interessati perché non ha la radiolina. E quindi i due tagliano il traguardo abbracciati senza mascherina e senza mantenere la distanza di sicurezza e soprattutto togliendo le mani dal manubrio per cui potrebbe scattare la squalifica. Al fotofinish vince Kwiatkowski al cui palmarés mancava solo la tappa in un grande giro, cosa che dai tempi della specializzazione non è poi tanto scontata per gli uomini da classiche, vedi Tchmil.

In questa foto i due Ineos sembrano piuttosto due ubriaconi.

Erano due anni che il polacco non vinceva. Invece Andrea Pasqualon non vince da poco più di un anno, ma oggi c’è la Coppa Sabatini, la corsa più adatta a lui che vi ha ottenuto una vittoria e due secondi posti. Ebbene, quei secondi posti sono diventati tre perché la vittoria è andata al giovane neozelandese Smith. Lotte Kopecky invece di vittorie ne ha ottenute ma non ancora nel World Tour, è una giovane pistard che migliora su strada e oggi ha beneficiato di compensazioni strada facendo. Ieri la giovane russa Novolodskaya è caduta quando a pochi km dal traguardo aveva 30 secondi di vantaggio e Marianne Vos avrebbe detto che sarebbe stato difficile raggiungerla. Però oggi sempre sulle strade campane intanto la russa va di nuovo in fuga e di nuovo mostra incertezza nella conduzione della bici, e in seguito dentro l’ultimo km è la Vos ad andare giù, elemento centrale di un domino il cui ultimo definitivo tassello è Annemiek Van Vleuten che si rialza ma dolorante. Ora se al Tour dopo un GPM i ciclisti hanno trovato pure un paio di km di sterrato anch’essi ascendenti, volete che al Giro si facciano problemi a scegliere come rettilineo finale una strada in salita e in pavé nel centro di Maddaloni? No, e infatti vince una ciclista emergente nelle classiche del nord come Lotte Kopecky che prende la scia della moto della RAI, spesso troppo vicina al gruppo se non in mezzo, che le lancia la volata fungendo da keirin, anzi peggio, dato che nel keirin la motorella si sposta molto prima, e la belga vince nettamente. In serata si sperava in un aggiornamento su Van Vleuten dal TGR ma il notiziario folk dà precedenza all’attualità e quindi trasmette un’intervista inutile a un calciatore mentre alla tappa non accenna neanche per sbaglio.

L’arrivo vittorioso di Kopecky e doloroso di Vos Van Vleuten e Spratt.

Vips go home!

Le varie corse di questi giorni hanno visto alcuni arrivi presso santuari religiosi, oggi invece il Giro Donne è arrivato a Nola presso un santuario profano, il Vulcano buono, un’escrescenza geo-architettonica al cui interno c’è un megacentro commerciale che non può non piacervi perché è opera dell’Architetto Intoccabile, quello che quando non ha gli spicci di resto lascia il progetto di un ponte o qualche altra quisquilia equipollente. La TGR ha affidato il servizio sulla tappa a Stefano Rizzato evitandoci il solito Coppola che probabilmente avrebbe concluso che ha vinto il ciclismo ha vinto la Campania o cose del genere, mentre Rizzato ha detto che il ciclismo è uno sport in cui partono in 120 ma alla fine vince quasi sempre una, e quell’una è Marianne Vos, arrivata finora a tre vittorie di tappa tutte diverse: su un muro ripido, in una volata ristretta e in una volata allargata. Chi invece sembra che non riesca più a vincere le volate di gruppo è Fernando Gaviria, trova sempre qualcuno più forte che lo batte, e allora ogni tanto tenta di anticipare la volata e gli va bene, ormai è la sua specialità, iniziò alla Parigi Tours del 2016 e ultimamente ha ripreso a provarci, e gli andrà bene finché non impareranno a tenerlo d’occhio, oggi intanto ha vinto il Giro di Toscana. Dicono che era un Giro di Toscana per velocisti e quindi diverso dal solito, ma se andiamo a leggere l’albo d’oro di questo secolo troviamo Petacchi, Mattia Gavazzi e due volte Bennati, forse è passato troppo tempo ma non mi pare che questi erano scalatori. La corsa è servita anche al supercittì per verificare le condizioni di forma dei ciclisti che potrebbero correre il mondiale, e nel finale con un certo senso dell’umorismo hanno attaccato Mosca e Moscon e questo scattino inconcludente è bastato al quasi ex ciclista Moscon, il più coccolato e criticato del plotone, per essere convocato, mentre un anno di attacchi e gregariato non è bastato a Mosca. Come è ormai tradizione non si capisce com’è il percorso del mondiale e a leggere i convocati delle varie nazionali ognuno lo interpreta a modo suo, dalla Colombia che porta solo scalatori alla Germania che gli scalatori li lascia a casa e convoca il velocista Degenkolb. Comunque sia il favorito di tutti è Alaphilippe che oggi al Tour è andato in fuga per il secondo giorno consecutivo e neanche stavolta ha vinto, i fuggitivi di giornata sono stati ripresi tutti compreso l’altro recidivo Carapaz e la vittoria è andata a Lopez, il colombiano con la faccia da kazako, mentre in mancanza di argomenti di conversazione in RAI si sono inventati un errore tattico di Roglic che invece ha guadagnato su Pogacar forse ostacolato da qualche tifoso. Oggi alcune salite erano vietate al pubblico ma non l’ultima sulla quale c’era molta gente invadente e sputacchiosa, e chissà se è solo una coincidenza che era anche il giorno scelto per la tradizionale visita al Tour di Monsieur Le Président. In RAI hanno sempre apprezzato questa specie di omaggio al Tour ed è imbarazzante essere d’accordo con lo scrittore parlante quando dice che in Italia il Presidente dovrebbe fare altrettanto, andare al Giro anziché ricevere gli atleti a Palazzo come fosse un re. Ma, dato il Presidente, ne facciamo volentieri a meno di altre banalità, e poi, pensando al fatto che al Tour quando arriva il Presidente ci sono i servizi segreti, e chissà che non ci siano gendarmi stornati dalla corsa alla sua persona, e ricordando che non si è mai saputo chi c’era nell’auto oscurata che nel 2011 buttò contro il filo spinato Flecha e Hoogerland, direi che è meglio se anche al Tour Presidenti e vips se ne stanno a casa.

Tra l’altro sembra che il Presidente sceglie sempre tappe di montagna per motivi di sicurezza, e oggi era la cosiddetta tappa regina, neanche la tappa first-lady, con in più il finale su una salita inedita ricavata da una pista da sci, una di quelle salite, e di quelle tappe, che sulla carta piacciono agli appassionati di ciclismo estremo, e che poi finiscono per deludere perché lo spettacolo per la classifica si concentra tutto nel finale e i distacchi si riducono a pochi secondi. Ma se la tappona non è stata decisiva per questo Tour forse ha chiuso una volta per tutte le speranze e i rimpianti relativi a Landa, che ha corso sempre per altri, che se fosse stato libero di fare la sua corsa eccetera. No, forse il suo momento migliore è già passato contemporaneo a quello di Aru e di più non poteva fare, ma oggi di certo ha messo a lavorare tutta la squadra, li ha sfiancati, poi quando è passato in testa l’ultimo rimasto, Damiano Caruso, l’ha avvicinato e gli ha detto di aspettare un minutino, che non se la sentiva ancora, e ha iniziato a perdere terreno, ritornando ad essere il solito sfigato da fumetto.

Carriere e coccodrilli

Il Tour di quest’anno non passa per Albi ma per chi volesse sapere qualcosa del massacro dei Catari nessun problema perché si arriva a Lavaur, dove ne furono mandati al rogo 400, e l’occasione è gradita per un ripasso. Meno male che lo scrittore parlante che in genere si diverte con l’aneddotica macabra non ci dice pure la sua, ma quello che mi chiedo è se sono quelli della RAI che non perdono occasione per mettere in cattiva luce la Chiesa Romana più di quanto non faccia essa stessa o se sono quelli del Tour che ci tengono, e come al Giro ogni anno si ricordano Coppi Bartali e Pantani al Tour ricordano Desgranges e gli Albigesi. Stavolta c’è una doppia coincidenza. La prima è personale, in questi giorni stavo mettendo un po’ di ordine tra i libricini piccoli, tra i quali ci sono molti, pure troppi, Millelire, che compravo quasi all’ingrosso senza stare a selezionare, e tra questi ce n’è uno sui Catari che dimostra la furbacchioneria di Stampa Alternativa: infatti questo che viene presentato come racconto è solo un estratto da un libro ben più grande di C.R. Maturin che un’altra casa editrice avrebbe pubblicato, e in quanto tale sembra inconcluso, insomma è come quegli estratti omaggio che pubblicizzano i libri in uscita solo che in quel caso la pubblicità si pagava pure.

La seconda coincidenza è che la tappa catara ha visto un massacro, per fortuna solo ciclistico, perché doveva essere una tappa tranquilla, ma non si può mai dire, succede che soffia il vento e possono partire i ventagli, e infatti la squadra tedesca Bora fa il diavolo a quattro, ma in senso figurato, non il loro connazionale che nonostante il covid anche quest’anno segue la corsa e mi viene il dubbio che se non in quattro si sia fatto almeno in due perché c’è una cosa che non capisco, cioè non mi spiego i salti che fa per l’età che dovrebbe avere. La Bora invece una cosa l’ha capita: Sagan ha due obiettivi, la maglia verde della classifica a punti e se possibile anche una tappa, ma si è capito che non è più in grado di battere i velocisti e per vincere deve farli fuori, e con quell’attacco molti velocisti si staccano, poi in un secondo momento altre squadre pensano di far fuori qualche uomo di classifica, non tanto Landa e Porte che in genere si fanno fuori da soli, ma Pogacar, e poi già che ci sono qualche altro velocista, e alla fine dopo tutta questa fatica Sagan non vince uguale, quello lo fa Van Aert che ormai ha raggiunto la statura da campione e tanto di cappello, però se qualche inimicizia è difficile che se la faccia la Bora che ha lanciato il fatale attacco ma ha fatto la sua corsa, la Jumbo non penso faccia simpatia nel peloton perché vuole vincere un po’ troppo, e se imposta la corsa come faceva in passato la Ineosky non dimentichiamo che gli inglesi per l’obiettivo principale hanno saputo anche sacrificare le vittorie parziali, costringendo Cavendish e Viviani a cambiare squadra e oggi sacrificando e anche consumando Kwiatkowski. Ma la Ineos sta cambiando ed è stata proprio diversa alla Coppi e Bartali dove ha vinto con uno scalatore, che sembrerebbe una cosa normale ma invece non lo è perché Narvaez si è scoperto veloce e ha vinto non per distacco ma con gli abbuoni. E poi hanno bisogno di ricambio, cercano giovani e si dice che ingaggino anche il fenomeno Tom Pidcock, ciclocrossista biker e vincitore della Roubaix under 23 che è la corsa più adatta ai fuoristradisti, però ha come idolo Wiggins che all’opposto veniva dalla pista, ma il sogno comune è il Tour e Pidcock già si è messo avanti col lavoro e ha perso peso, strada facendo ha vinto il Giro Under 23 prendendosi anche la tappa conclusiva col Mortirolo perché è uno che programma il futuro e pensa a quando sarà vecchio e agli amici del Pub dello sport potrà raccontare di quella volta che ha vinto su quella salita famosa. Però il mondo professionistico sarà diverso e già qui la sua ingordigia può aver dato fastidio: il suo compagno di fuga Vandenabeele alla fine della tappa l’ha applaudito ma non si capisce se per ammirazione o ironicamente avendo sperato che gli lasciasse la vittoria di tappa, e del resto Pidcock sembra uno smargiasso, per dire ha tagliato il traguardo dritto in piedi sui pedali, se il suo idolo è Wiggo speriamo non diventi pure mod e rompa anche lui con il rock e le lambrette e tutto quell’armamentario da lasciare in soffitta una volta per tutte, ma in fondo nel ciclismo ogni tanto c’è bisogno anche di qualche villain. Tornando alla Ineos, ci sono ciclisti ormai vecchi ma anche dei giovani che hanno subito mostrato i propri limiti, come Sivakov che cade spesso e non sa andare in discesa, però mai come il connazionale Zakarin, e qui arriviamo alla prima tappa pirenaica. C’è la classica fuga di uomini fuori classifica e sulla penultima salita passano in testa Peters e Zakarin, coppia male assortita perché il primo è bravo in discesa, come del resto tutta la sua AG2R tranne uno, e va a vincere, e forse a 26 anni è ancora presto per dirlo ma sembra avviato a essere uno di quei classici corridori che per qualche anno riescono a centrare tappe nei grandi giri e nient’altro, poi passati i pochi anni favorevoli continuano a tentare la fortuna ma non gli riesce più. A Zakarin invece non riescono le discese, è storia vecchia, le fa brutalmente brutte senza gli arabeschi di cui è capace il maestro del brivido Alexander Geniez, ed è già tanto che arrivi sano e salvo al traguardo. Tra gli uomini di classifica sembra non succedere molto, la Jumbo è la squadra più forte ma forse per mancanza di avversari, ma i colpi di scena arrivano lo stesso. Quest’anno prima del solito è arrivato un momento che è ormai diventato classico: la crisi di Pinot e quando non è una crisi psicologica sono i postumi di cadute e lui cade spesso, ma secondo me da lui non c’era da aspettarsi più niente già dopo il Delfinato in cui si è trovato inaspettatamente in testa per il ritiro di Roglic e anche allora, nonostante il minore prestigio della corsa, c’è stato il solito psicodramma. Poi sull’ultima salita attacca Pogacar e Roglic lo lascia andare dimostrando che non ha imparato bene la lezione di Carapaz al Giro dell’anno scorso. Invece Pancani sta imparando a convivere con lo scrittore parlante e si diverte a coglierne le contraddizioni, come quella sugli animali prede, che a sentire lo scrittore a volte sono poveri e a volte uno spettacolo della natura. E a proposito di animali, si passa dalle parti di una chiesa dove c’è un coccodrillo appeso al soffitto, Pancani chiede se ci siano casi del genere anche in Italia e lo scrittore dice che ce ne sono due, ma dato che a letture di fumetti è messo male, credo Bonelli e Bunker, non può ricordare la bella storia Il santo coccodrillo di Jerrry Kramsky e Lorenzo Mattotti adattata pure per il cinema di animazione come episodio del film collettivo Peur(s) du noir. Paure, traumi, blocchi psicologici, chissà cosa affligge Pinot. E idem da qualche anno per Fabio Aru che nella seconda tappa pirenaica si ritira e Beppe Saronnni, contattato dalla RAI, più che prendersela con Aru di cui però riconosce i limiti caratteriali che sono ormai acclarati, accusa chi nella squadra ha deciso di portarlo al Tour quando era evidente che non era in forma. Quel Saronni che diede una svolta alle carriere di Tonkov prima e di Simoni poi ormai nella UAE ha solo un ruolo di rappresentanza, tipo Mattarella, solo che a differenza del Capo dello Stato quando parla non fa il compitino correttino e precisino ma accusa attacca ironizza e non è per niente diplomatico, quello gli riusciva solo quando faceva il commentatore per la RAI e forse in quel ruolo è stato il migliore, e oggi le sue accuse sono arrivate fino in Belgio dove Het Nieuwsblad le ha comunicate al popolo fiammingo. Ora Aru può pensare a prepararsi per correre il Giro ottobrino, ma forse è troppo presto, allora la Vuelta novembrina, o forse è presto anche per quella, e allora facciamo direttamente l’Herald Sun Tour, no quello no perché è la prima corsa cancellata del 2021, o forse sì proprio per quello. Ma il Tour può fare a meno di Pinot e di Aru, anche se per Saronni la UAE perde un aiuto importante per Pogacar che per lui è un grande talento naturale, ma dicevano lo stesso pure per Aru, comunque la tappa viene spettacolare, della fuga di giornata resta davanti il giovane svizzero Hirschi che rischia di fare l’impresa e tutti a elogiarlo e a dire che ha un grande futuro, ma dicevano lo stesso pure per Aru, e i big solo negli ultimi 2 km raggiungono lo svizzerotto che non tenta il tutto per tutto per arrivare da solo sperando semmai che dietro si guardino, anche perché dietro si guarderanno pure ma tirano tutti, ma gioca d’azzardo rifiata un attimo e si fa riprendere per potersela giocare allo sprint, più che Lutsenko alla Tirreno Adriatico dell’anno scorso, e quasi ci riesce, se fosse partito più tardi, se non fosse partito dall’ultima posizione, bah, vince Pogacar davanti a Roglic, i due sloveni si rispettano ma si danno battaglia, e se al mondiale faranno gioco di squadra sarà difficile batterli. Oggi c’è il riposo, tamponi per tutti, e un sospettino viene, o meglio un timore, perché, ammesso e non concesso che Merckx e Pantani in epoche diverse siano stati vittime di complotti per farli fuori dal Giro, forse sarebbe ancora più facile eliminare qualcuno con una positività fasulla non al doping ma al coronavirus, ma per temere problemi in materia non c’è bisogno di pensare a complotti, bastano i ritrovati tifosi invadenti sulle salite, in particolare sul Peyresourde dove non c’erano né distanziamento né mascherine e si avvicinavano ai ciclisti pericolosamente, ma certo un elefante come il Tour non è facile da gestire. Più facile col giro under 23, dove semmai si potevano evitare le ridicole gomitate ma sul palco erano tutti con le mascherine, comprese le miss di cui non si è potuto mai vedere il volto, due belle ragazze che potevano essere notate da qualche produttore e scritturate per girare uno spot di qualche assicurazione facile o di qualche vino nel tetrapack e invece niente, carriere stroncate dal coronavirus.

Fotogramma da “Peur(s) du noir”.

Di già veduto

Ieri mattina in tivvù c’era il linguista Massimo Arcangeli a presentare il suo libro Senza parole (ed. Il Saggiatore, copertina di Guido Scarabottolo) sulle parole che non si usano più, anche se quelle citate ad esempio, come “alterco” e “contumacia”, non mi sembrano tanto dimenticate, ma se lo dice lui che è un linguista faccio finta di fidarmi, e allora  di questo si potrebbe incolpare il tempo presente e la massificazione e la banalizzazione eccetera, e certo ci sono scrittori e giornalisti e loro seguaci (professionalmente) e seguitori (ascoltatori/lettori) che usano tutti le stesse espressioni e pare che usarne una diversa sia parlare male, però io invecchiando divento sempre meno incline alle nostalgie e mitizzazioni del passato e mi viene in mente Midnight in Paris di Woody Allen in cui il protagonista finisce indietro nel tempo in quella che ritiene l’età dell’oro e lì incontra personaggi che guarda un po’ idealizzano una diversa e precedente età dell’oro, e andando avanti così si finirebbe all’età della pietra. Ma il punto è che di recente ho letto i Racconti impossibili di quel bel tipo di Tommaso Landolfi, alieno alla mondanità e allergico alla critica letteraria, e questa raccolta del 1966, letta quindi da gente che aveva frequentato scuole quantomeno di cultura risorgimentale, si apriva con La Passeggiata, quattro paginette piene di parole inaudite. Devo dire che senza saperne niente ho sospettato subito che non si trattasse di parole inventate ed evocative come nelle Fanfole di Fosco Maraini, e infatti Landolfi scrisse che erano tutti termini presenti nei dizionari. Oggi forse quelle parole non si trovano più neanche nei dizionari attuali, io ne ho cercata qualcuna su internet per curiosità e non tutte le ho trovate anche perché la ricerca è ostacolata dagli algoritmi e dalle logiche di google, ma la cosa interessante è che quelle parole, negli anni 60 risorgimentali e prima del 68, alcuni critici e giornalisti le ritennero inventate e altri le dissero dialettali, e si trattava di persone il cui lavoro era incentrato sulle parole, per cui direi che faciloneria pigrizia e scarsa professionalità non dipendono dalla tecnologia a disposizione. Nel suo intervento televisivo Arcangeli proponeva anche di salvare la lingua italiana sostituendo abusate parole straniere con termini italiani, per esempio dicendo “fandonia” anziché “fake news”, poi così come c’è stato un sindaco che durante il lockdown (anzi, dicendolo con Arcangeli, durante la contumacia) ha parlato di “faq news”, allo stesso modo ci sarà anche chi non sa cosa significa “fandonia”, che potrebbe ricordare il termine “fandom”, e insomma finché si parla per sentito dire non se ne esce.