L’inizio della terza stagione

Oggi è iniziata la terza stagione di classiche dell’anno, e in tutte le annate ci sono tre blocchi di corse in linea, solo che in genere la prima finisce il primo maggio a Francoforte e invece quest’anno è stata troncata due mesi prima, la seconda tra agosto e settembre vede delle corse che quest’anno sono state parzialmente cancellate ma ha ospitato quelle italiane di primavera e di autunno, e poi ci sono le classiche d’autunno che quest’anno sono per lo più quelle di primavera. E infatti oggi si è disputata la Waalse Pijl con il tradizionale arrivo sul Muur Van Hoei e domenica seguirà la Luik-Bastenaken-Luik, e voi mi direte ma di cosa stiamo parlando, e in effetti non è corretto chiamare in fiammingo delle corse valloni che poi non si riconoscono, però anche a guardare il Muro di Huy senza pubblico era difficile riconoscerlo, e questa cosa in diretta l’ha fatta notare solo la sensibilità di Giada Borgato, che può sembrare frivola quando si dichiara esperta di gossip ciclistico ma è molto più dentro il ciclismo vivo dei colleghi uomini che ci sorbiremo nei giorni a seguire, e quando poi la gara maschile è stata un’altra testimonianza del ricambio generazionale lei ha detto che finalmente non c’è più il nonnismo che impediva ai giovani di emergere, che è una cosa che andrebbe approfondita e non si è mai sentita dai commentatori maschi, forse ne sa qualcosa Eros Capecchi? E gli uomini RAI hanno iniziato questa stagione con la solita lamentela sul Giro danneggiato dal nuovo calendario, dimostrando la stessa testardaggine e lo stesso orgoglio fuori luogo degli organizzatori del giro medesimo che non hanno voluto tenere conto dell’eccezionalità del periodo e non hanno voluto accorciarlo un poco, ma basterebbe pensare proprio al Belgio che ha un’unica corse a tappe nel World Tour, per di più in comproprietà con l’ex Olanda, una corsa adatta agli uomini da classiche, ed è stata programmata  contemporaneamente alla Freccia Vallone, per non parlare della Spagna con la Vuelta spostata a novembre e che dovrebbe passare sul Tourmalet che però è già innevato. Per la vittoria si attendeva lo spareggio tra Anna Van Der Breggen e Marianne Vos, le due ex olandesi più in forma del momento entrambi vincitrici di 5 edizioni e ha vinto Anna che, come ha commentato la Borgato, ha fatto quello che non bisogna fare, una progressione anziché una volata, lunga, in testa senza mai guardare indietro. Ora qualcuno vorrà invece guardare l’ordine d’arrivo tutto per verificare se qualcuna è caduta, ma delle favorite nessuna, ha forato la Ludwig ma è agevolmente rientrata con tanto di traino delle ammiraglie e sfacciato bidon collé perché la borraccia l’ha poi buttata, ed è arrivata seconda davanti alla Vollering. Le due piazzate sono le ultime vincitrici del Giro dell’Emilia e non è un caso, perché più volte il Muro di Huy è stato paragonato alla salita di San Luca e la famosa “esse” è stata paragonata alla Curva delle orfanelle, ma la brutta notizia è che l’anno prossimo il Giro dell’Emilia femminile non è in programma, e non credo sia a causa delle mortadelle di Amici che minerebbero la linea delle cicliste, peccato che agli organizzatori e ai politici che si vantano del mondiale e del giro intatto nessuno vada a chiedere conto di un calendario femminile sempre più misero. Si corre poco qua, è significativo che Giada Borgato che correva soprattutto in Italia ricordi l’emozione del pubblico sul Muro di Huy e non di quello del Giro Rosa, che infatti non esiste, e forse per questo Rossella Ratto da anni cerca fortuna all’estero e non sempre ci azzecca, eppure nelle poche occasioni in cui corre dimostra che il potenziale per fare bene c’è sempre e in un paese in cui vanno forte soprattutto le passiste veloci, che suppliscono alle poche corse su strada con l’attività su pista, di cicliste come Rossella c’è ancora bisogno. Quest’anno corre (si fa per dire) con la sciagurata squadra belga Chevalmeire di cui non si conosce neanche la maglia e oggi è arrivata 76esima, difficilmente poteva far meglio avendo corso poco, ma comunque è la prima della sua squadra, famosa anche per aver ingaggiato Puck Moonen che da qui inizia il piano quadriennale per diventare campionessa del mondo, intanto oggi si è ritirata come nelle altre corse UCI disputate quest’anno ma c’è tempo, però se non mostra progressi sportivi e non mostra neanche più le foto che l’hanno resa famosa qualche suo fan potrebbe restare deluso. La Van Der Breggen, dicevo, ha vinto facendo quel che non si deve fare sul Muro di Huy, non sprecare energie e scegliere il momento giusto per partire, e quando è quel momento giusto alcuni hanno impiegato un’intera carriera per scoprirlo, invece Marc Hirschi l’ha saputo al primo tentativo, come se venisse qui da anni, approfittando anche dell’assenza dell’intero podio dell’anno scorso ma gli avversari scafati c’erano e hanno assistito alla consacrazione di un campione, forse.

O vogliamo dire che Anna Van Der Breggen ha vinto perché nella gara maschile è caduto Vansevenant?

che poi uno può rimanere deluso

Ma forse per pubblicizzare il campionato del pallone mandano video con Piola o Riva? Perché il ciclismo deve sempre guardare al passato e alle sue leggende a volte romanzate a volte plausibili come l’accecamento di Polifemo? E hanno fatto questo spot sì con i ciclisti morti ma con questa atmosfera idealizzata che sembra il corrispettivo ciclistico di quelli del Mulino Bianco. Secondo me bisognerebbe presentare quello che verosimilmente si può verificare, basterebbero un allungo in discesa di Nibali o una volatina di Calebino. E perché alla RAI hanno preso il vizio di replicare delle azioni di corsa virate in bianco e nero come a dire sembrano imprese del ciclismo eroico ma poi se lo fanno così spesso vuol dire che sono imprese anche di questo ciclismo qua? E non pensano che uno semmai si aspetta le imprese eroiche su quelle salite che oggi non fanno neanche più selezione e poi dopo ci può anche rimanere deluso? 

Ciclismo e politica

Il mondiale di ciclismo femminile ha sfiorato il milione di telespettatori ed erano di sicuro tutti interessati alla gara dal momento che questo sport non concede niente al voyeurismo, come potrebbe essere invece con l’esposizione di glutei nella pallavolo o nel salto in lungo oppure con la seconda pallina infilata sotto il gonnellino nel tennis. Quindi del mondiale maschile che fa molti più ascolti bisognava approfittare per usi promozionali e politici, e diciamo che per la promozione turistica bisogna ringraziare la regia internazionale per le riprese davvero spettacolari, riprese (nel senso del participio passato) anche da Het Nieuwsblad. Dopo che Vicenza per disinteresse politico ha perso i mondiali, questi sono stati poi riassegnati all’Italia per la faccenda del COVID, e la politica in senso lato si è fatta viva durante la diretta RAI. Durante la quotidiana auto-celebrazione Pancani è arrivato a dire che senza l’intervento dell’Italia i mondiali non si sarebbero disputati, ma non  è vero perché c’era già pronta la Francia, e poi è disceso tra i suoi sottoposti il Direttore Bulbarelli che, dopo aver riconosciuto le difficoltà di un Giro in autunno e aver minacciato la presenza di due nuovi commentatori di cui non ha fatto i nomi limitandosi a dire che il Giro l’hanno vinto (ohibò, Gotti? Basso?), ha riportato la polemica tra il Presidente del CIO e il Governo italiano. In sostanza il CIO prevede che i comitati olimpici nazionali siano totalmente indipendenti dalla politica, ma secondo Bach la legge di riforma italiana non sarebbe conforme alla Carta Olimpica, mentre il Ministro nega tutto, anche che sia previsto un meeting sulla questione. E’ vero che i politici italiani spiccano per incompetenza e incapacità che non possono compensare con la mania di protagonismo, però è anche difficile credere che i comitati olimpici siano indipendenti dalla politica in paesi come la Russia, il Kazakhistan, il Bahrain eccetera, ma anche nei democratici paesi europei. Poi l’esito del campionato mondiale almeno ha tolto ai politici italiani un’occasione per vantarsi di meriti non loro; infatti ha vinto Julian Alaphilippe che tra l’altro avendo come cittì della nazionale Thomas Voeckler sta migliorando molto anche sul piano delle smorfie. Tra gli sconfitti possono avere rimpianti Pogacar e Van Aert. Pogacar forse si è sentito colpevole o in debito verso Roglic per avergli strappato il Tour, e oggi forse ha corso per lui attaccando al penultimo giro, e avrebbe avuto bisogno di uno specchietto retrovisore per le tante volte che si è girato, forse voleva stancare gli avversari, ma se l’avesse fatto all’ultimo giro poteva giocarsi la vittoria. Van Aert non ha creduto in un tentativo con Nibali Uran e Landa, forse l’idea di un attacco con Landa gli faceva venire da ridere, e quando invece è partito Alaphilippe non gli è riuscito di andargli dietro, e l’inseguimento di Van Aert + 4 ha favorito l’attaccante, perché i 4 erano frenati dal fatto che Van Aert è molto più veloce ma lui a sua volta era frenato dal fatto che i 4 non collaboravano. Il punto è che nella banda dei 4 c’era Roglic, che nella circostanza correva per un’altra nazione ma in genere è compagno di squadra di Van Aert che molto ha lavorato per la causa di un Tour che il capitano sloveno non ha saputo vincere e quindi avrebbe potuto sentirsi un po’ in debito, anche giustamente, a differenza di Pogacar che in Francia ha solo fatto la sua corsa. Comunque i 4 avevano ragione su Van Aert che per il secondo posto ha lanciato la volata in testa e si è tolto tutti dalla ruota. Infine il mondiale della squadra di Cassani è stato più anonimo di quello che si temeva, si può discutere su qualche gregario, dell’esclusione di Mosca ad esempio, ma non avrebbe cambiato la sostanza, perché ogni tanto si intravede un nome nuovo, un futuro campione, ma poi alla fine ci si affida sempre a Nibali che a 36 anni avrà risentito più di altri dei mesi passati solo a fare i rulli.

Anche il Premier ha ringraziato i ciclisti italiani.

Troppe coincidenze che coincidono

Quando nel 2016 alle Olimpiadi di Rio la Van Vleuten è caduta ha vinto Anna Van Der Breggen e non Emma Johannson o Mara Abbott. Quando ai Mondiali del 2018 la Van Vleuten è arrivata al traguardo con un ginocchio rotto ha vinto ancora la Van Der Breggen e non la Spratt, e quando al Giro ultimo scorso la Van Vleuten in maglia molto rosa si è rotta il polso non ha vinto la Niewadoma che era seconda ma la Van Der Breggen che era terza. Poi l’altro ieri ai Mondiali a crono, in assenza della Van Vleuten, è toccato alla Dygert cadere ma non è toccato alla Reusser o alla Van Dijk vincere, a quello ci ha pensato Van Der Breggen. Oggi al Mondiale in linea la Van Vleuten è voluta partire con un tutore, quindi è venuta già rotta, e ha vinto la Van Der Breggen. Diciamo che nel ciclismo si può cadere anche per un errore, per aver rischiato troppo, e Anna Van Der Breggen, coerente con il suo modo di essere discreta, non esagera e non assume posizioni estreme, come ha notato la Borgato che ha invocato il divieto di pedalare sulla canna. E poi cosa vogliamo fare, verificare se è caduta qualche sua avversaria pure negli altri due Giri d’Italia vinti, nelle 5 Frecce Valloni, nelle 2 Liegi, nel Fiandre, nell’Amstel, nelle Strade Bianche, nel G.P. di Plouay, nella Course by le Tour, nell’Het Nieuwsblad, nell’Europeo in linea e in quello a crono e in tutte le altre corse che ha vinto, compresi ciclocross e mtb? Poi Anna qualche volta si è dovuta adattare a vincere in volata, ma spesso ha vinto con lunghe fughe come oggi. Peccato solo per il suo proposito di ritirarsi a fine 2021, manifestato prima che si tornasse a correre e dopo due anni in cui non sembrava più quella di prima, e semmai le vittorie recenti potevano far sperare in un ripensamento, ma proprio dopo la vittoria odierna ha confermato che vuole smettere per vedere cos’altro si può fare nel mondo. Dicevo di Giada Borgato, del suo lato “proibizionista”, e oggi ha dimostrato riflessi pronti, come quando le hanno chiesto che animali erano quei cuccioli inquadrati in qualche parco del cavolo e lei ha risposto dei begli animali. E quando alle 15 le hanno chiesto per che ora prevedeva l’arrivo della corsa ha riposto le 17 e l’ha centrato in pieno. Però essendo ormai parte della RAI le va meno bene con i pronostici specifici: ha detto che la Cecchini è una ciclista con le caratteristiche ideali per vincere un mondiale e dopo pochi secondi si è vista Elena staccarsi in fondo al gruppo e alla fine è stata l’unica italiana ritirata. Non hanno brillato neanche Guderzo, Magnaldi e Paladin. Quest’ultima in particolare, così come all’Europeo con la differenza che lì la strada era bagnata, l’abbiamo vista in fondo al gruppo in discesa; lei dice che è contenta di correre nel team di Marianne Vos e che da lei impara tante cose, ma forse col programma non sono ancora arrivate alla discesa. Molto bene Cavalli e Ragusa, come capita spesso con le debuttanti, ma nel ciclismo femminile italiano il problema sono l’organizzazione e gli stimoli per il prosieguo. E poi Elisa Longo Borghini che è arrivata a giocarsi il secondo posto in volata con la Van Vleuten, ha sprintato con cattiveria sfiorando la scorrettezza ma ha perso lo stesso, però è stata l’unica capace di inserirsi nel tris di Asse dell’ex Olanda, dato che poi quarta è arrivata la Vos. Sul podio sorrisi e abbracci, anche se non dovrebbero essere consentiti, e felicitazioni, ma potrebbe non durare, oggi l’Olanda ha fatto buon gioco di squadra, solo la Van Vleuten quando è partita la vincitrice ha cercato di inseguirla rischiando di portarsi dietro anche le rivali però dopo si è subito adattata, cosa che le consentiva di non tirare negli inseguimenti vari, e dato che per la seconda volta dopo l’Europeo Elisa si è trovata a sprintare con lei, che era meno affaticata per non aver lavorato, e ha sempre poi perso, va bene gli abbracci ma vista la cattiveria di Elisa in volata la prossima volta capace che glielo rompe lei l’altro polso.

Corse contro il tempo

Quando per la normativa anti-covid la Svizzera ha rinunciato a ospitare i mondiali di ciclismo, l’UCI ha dovuto fare una corsa contro il tempo per trovare un paese che si pigliasse la rogna ed è stata ben contenta quando l’Italia tra le varie località ha proposto anche Imola con un circuito chiuso come l’autodromo. Così l’UCI gongolava da un lato per aver risolto il problema e l’Italia, organizzatori e Federazione, gongolavano dall’altro vantandosi di aver vinto questa gara tra kamikaze. E adesso ogni giorno questi ultimi si autoincensano in diretta RAI, ma intanto oggi si poteva notare che, mentre in Francia durante il Tour il pubblico accorreva spontaneo e a volte illegale, invadente ma per lo più con le mascherine, per contro i pochi entrati nel circuito imolese erano tutti senza mascherina come fosse il dress code. L’UCI aveva detto ai candidati che delle categorie giovanili si faceva a meno, l’importante era che si svolgessero le prove in linea élite, la crono insomma era facoltativa, ma gli italiani, ricordandosi di Filippone Ganna, hanno detto non scherziamo, facciamo anche la crono, siamo ospitali, e chissà se per ridurre i tempi della gara o per venire incontro alle caratteristiche di un ciclista che è abituato a correre in pista sui 4 km, hanno proposto il percorso più breve dell’altrettanto breve storia del mondiale a crono, comunque il percorso è stato accettato, e quello che mancava in quella breve storia è arrivato: la prima vittoria di un italiano. Qualcuno dirà che vabbe’ c’erano tanti assenti e c’erano altri non in forma o stanchi dal Tour, ma questo è sempre successo ai mondiali e, per dire, negli anni olimpici e quindi con più impegni sembra sia più facile vincere un mondiale a crono e questo non è anno olimpico, e poi in gara c’erano pure il fenomeno Van Aert, Kung ex erede di Cancellara, il favorito del Giro Gerainthomas, il campione uscente Dennis, quello sconclusionato del primatista dell’ora Campenaerts, il bruco di Maastricht Dumoulin, “altro” Van Emden e mi pare che bastino questi.

Filippo

Dato che nel ciclismo si vive spesso di ricordi e leggende di tempi eroici e che c’è in giro uno spot che unisce ciclisti vivi, pochi, e morti, tanti di varie epoche, forse è opportuno precisare che il primo a vincere il mondiale a crono non è il primo ad aver vinto il Giro d’Italia, che infatti si chiamava Luigi e nello spot mortuario ci sarebbe stato bene. E dato che gli italiani hanno una memoria non selettiva, ma a singhiozzo e partigiana, è opportuno ricordare anche che Ganna corre nella Ineos, ex Sky, la squadra antipatica, scostante, che ammazza le corse e non fa spettacolo, troppo fredda e scientifica, e che ottiene delle vittorie pure sospette, soprattutto quando non ci garbano e non era oggi il  caso, la squadra in cui correva Viviani quando ha vinto l’Olimpiade, ma se Ganna invece avesse corso in una squadra italiana, del paese che si vanta si vanta ma di che non si capisce, non so se arrivava fin là.

Luigi

Sventure

Ci sono dei personaggi nel ciclismo o attorno ad esso che fanno un po’ paura. Ad esempio chi ha pensato lo spot del Giro d’Italia. C’è Vincenzo Nibali che esce di mattina per allenarsi e si trova in una nebbiosa brughiera e col diradarsi della nebbia vediamo uno sparpaglìo di ciclisti morti e alla fine tutti insieme raggruppati in un funereo plotone passano vicino a una serie di croci, e non so che idea hanno del ciclismo e quale ne vogliono dare i creativi del caso. Però in questa terra sventurata che ha bisogno di eroi e che ama la retorica e il melodramma e, fatto non secondario, pratica la piaggeria estrema, il video è stato da molti elogiato. In realtà in quel plotone ci sono due ciclisti ancora vivi, Moser e uno che dalla maglia e dal fatto che si accompagna con Gimondi si direbbe Merckx anche se non gli somiglia troppo, ma in ogni caso consiglierei a lui, a Moser e anche a Nibali di fare gli scongiuri. E a proposito di scongiuri, c’è una ciclista che inizia a far paura, ma non nel senso della retorica sportiva, perché Anna Van Der Breggen è forte, fortissima, ma non è questo il punto, ha iniziato quando dominava la Vos, poi è arrivata la Van Vleuten, poi è tornata la Vos, ma intanto Anna toma toma cacchia cacchia ha accumulato medaglie e trofei abbondando in qualità quantità e varietà. Le erano rimasti da vincere il campionato nazionale in linea e l’europeo e il mondiale a crono e in poco più di un mese ha ottenuto pure questi titoli, ma la cosa inquietante è come ha ottenuto le ultime due vittorie. Al Giro la scorsa settimana era terza ma la dominatrice Van Vleuten è caduta e si è rotta il polso e superare la Niewadoma è stato un gioco da ragazze, ieri ha al Mondiale a crono la favorita Chloé Dygert era in testa ma è caduta in un fosso anche se non è detto che avrebbe vinto perché Anna era in forte rimonta, però ricordando che anche alle Olimpiadi l’ex olandese ha vinto dopo una caduta della Van Vleuten verrebbe da pensare a male ma noi non crediamo in queste cose. Invece crediamo, speriamo che le altre cicliste, anche se si dice che gli sportivi sono scaramantici, non siano superstiziose, ma probabilmente, quando alla fine del 2021 Anna Van Der Breggen si ritirerà come anticipato, le cicliste tireranno un sospiro di sollievo.

Anna Van Der Breggen nel 2014 in maglia ciclamino, colore che porterebbe fortuna, a lei ovviamente.

Ultime curiosità da Parigi

È curioso accorgersi che finisce il Tour e a seguire invece del clou dell’estate c’è il campionato del pallone. È curioso vedere all’inizio della diretta che il gruppo, anche se non ancora arrivato a Parigi, è allungato come fosse una classica, ma per la faccenda del covid è proibita la promiscuità di interviste, foto di rito e brindisi incrociati, anche se all’insaputa della RAI gli sloveni Pogacar, Roglic, Polanc, Mohoric e Mezgec hanno fatto una foto di gruppo come l’anno scorso i colombiani per analoga occasione. Nelle prime fasi di corsa viene inquadrato Trentin che parlotta con Roglic, i due sono accomunati da sconfitte cocenti, e chissà che Trentin pensando al secondo posto di Roglic non si consoli un po’ per la faccenda del mal comune. Ci si chiede come e perché ha vinto Pogacar, e qualcuno dice che Roglic nella crono ha dovuto modificare la sella e per questo era scomposto, e sarebbe grave che la Jumbo si fosse persa per una cosa del genere, oppure che Roglic cala nella terza settimana, e in tal caso deve assolutamente tornare alla Vuelta che quest’anno è in versione light e dura due settimane e mezza, magari il Giro l’avesse emulata. Si dice che la fortuna di Pogacar è stato il ritardo nella tappa dei ventagli, e in effetti, se avesse preso la maglia gialla, come avrebbe fatto la sua mezza squadra a controllare la corsa, chi lo avrebbe scortato in salita, Kristoff? Si ricorda che la bici del vincitore è di Colnago, proprio nell’anno in cui ha venduto la Ditta e non si capisce che ruolo continua a svolgervi, ma di sicuro dispone di telai del colore delle varie maglie pronti per essere inviati al ragazzo fenomeno che è buono bravo bello intelligente umile e maturo, proprio come Bernal l’anno scorso. Ma in realtà il  vero segreto di Pogacar ce lo svela Garzelli, in collegamento dalla Casa di Riposo Studio RAI, quando ricorda che nell’ultima cronometro della Vuelta dell’anno scorso Pogacar diede 1’30 a Valverde e 1’40 a Pogacar, e capirete che uno che dà un distacco del genere a sé stesso non è un ciclista qualunque, e soprattutto questa sua ubiquità ben si concilia con il fatto che al Tour ha vinto 3 maglie.  Ecco, la RAI è la vera jattura per gli spettatori italiani, dicono che bello il passaggio del gruppo nel Louvre e lo sfumano per mandare la pubblicità, oppure parlano di funghetti a 10 km dalla conclusione con Van Avermaet in fuga. L’ultima tappa più di tutte è uno strazio con mille commenti, spesso inutili, e forse sarebbe il  caso di indire un referendum per il taglio dei commentatori RAI, e poi riassunti, ricordi, non sempre tempestivi (per Gianni Mura morto 6 mesi fa non potevano trovare un’altra occasione?), ringraziamenti, autoindulgenze, indulgenze plenarie e ogni altra occasione che torna buona pur di non parlare della corsa di cui non so quanti km effettivi hanno fatto vedere, perché il problema non è solo quello che dicono, basterebbe azzerare l’audio, ma quante volte staccano le immagini per altrove. E dato che come spettatore del ciclismo a me piacerebbe vedere innanzitutto la corsa in corso, mi chiedo se interessa anche a loro che col ciclismo ci campano, a volte sembrerebbe di no. Ridendo e scherzando si arriva alla volata e vince Bennett che si porta a casa pure la maglia verde, l’unica non vinta da Pogacar, con l’annessa soddisfazione di strapparla a Sagan che fino all’anno scorso era suo compagno di squadra, una compresenza che in pratica impediva a Bennett di essere selezionato per il Tour.

E lei è il segreto più noto di Pogacar: la fidanzata che, al netto degli accenti e altri segni grafici, si chiama Urska Zigart, corre nella Alé BTC Ljublijana e quest’anno ha vinto il titolo sloveno a cronometro, è arrivata decima nel Tour de l’Ardéche e 78esima nel Giro Rosa.

Senza precedenti

Tutto lo spettacolo che era finora mancato al Tour de France si è concentrato nella cronomezzascalata decisiva e non mi viene in mente un precedente simile a quello che è successo oggi al Tour. Non Fignon battuto dalle innovazioni tecnologiche di Moser al Giro e di Lemond al Tour, non Chiappucci troppo inferiore a cronometro rispetto allo stesso Lemond al Tour e a Indurain al Giro, non Rodriguez inferiore nella specialità anche a Hesjedal. E neanche Casagrande che in genere andava bene contro il tempo ma nel Giro del 2000 in maglia rosa si squagliò. Oggi finché si guardava la classifica avulsa Roglic contro Pogacar sembrava che lo sloveno in maglia gialla, forte soprattutto in questa specialità, stesse andando male, anche vedendolo meno composto del solito, ma all’arrivo, dove Dumoulin e Van Aert, in testa alla classifica provvisoria di giornata e candidati anche al prossimo mondiale, vedevano andare in fumo tutta la loro fatica da gregari, si è capito che Roglic non è andato male, quinto a pochi secondi dai compagni di squadra, ma è stato Pogacar ad andare forte all’inizio e fortissimo nel finale, gasato forse dall’andamento della gara. Pogacar è il secondo più giovane vincitore nella storia del Tour, più giovane anche di Bernal, ha vinto con neanche mezza squadra battendo il leader di uno squadrone spaventoso, ed è stata anche la sconfitta di un modo di correre inaugurato dalla Sky che è dispendioso per la squadra e stavolta però sparagnino per il capitano, che, al contrario di Froome e Thomas in passato, non ha mai fatto un attacco decisivo o forse non era in grado di farlo. Alla fine di questa avventura ci sono stati anche altri risultati minori ormai inattesi, come Richie Porte che nonostante i soliti ritardi e incidenti e cadute è riuscito a salire sul podio finale, e come Damiano Caruso entrato nei primi dieci a spese di un Valverde che dovrebbe decidersi a presentare la domanda di pensione. Oggi sulla salita conclusiva si è visto molto pubblico, invadente anche se con le mascherine, mentre al Giro Rosa c’è stato l’ennesimo arrivo tortuoso in un centro storico lastricato, come a voler dire che le vere corse delle donne hanno le curve. E anche Anna Van Der Breggen è stata sparagnina, avrebbe potuto legittimare una maglia rosa fortunosa con una bella vittoria nell’ultima tappa, ma lei che ha vinto diverse corse con fughe lunghissime non è plateale e poi non deve dimostrare niente a nessuno, ha lasciato andar via la fuga, la vittoria è andata alla francese Muzic più giovane di Pogacar, e lei ha brindato e ora fa più di un pensierino ai mondiali, dove l’ex Olanda, fermo restando che in ammiraglia c’è sempre Loes Gunnewijk le cui tattiche le capisce solo lei o forse neanche lei, al momento ha due cicliste molto più forti di tutte le altre, Vos per un arrivo in volata e Anna Van Der Breggen per lo sparpaglìo o una megafuga. In conclusione c’è chi esce male da queste tre settimane di ciclismo: la RAI. Stefano Rizzato è una mitraglia, parla così tanto e così velocemente che quando tace e passa la parola a Giada Borgato si ha la stessa sensazione di quando all’improvviso si spegne un trapano o un elettrodomestico rumoroso. E per il ciclismo maschile è tutto un disastro che presumibilmente si ripeterà col Giro, a partire dalla scelta di trasmettere su Rai 2 e subirne la rigida programmazione, dal TG Lis alle previsioni del tempo alle sedute del Parlamento, e poi i commentatori e la conduzione in studio di Antonello Orlando che sembra sempre non capire cosa succede, e i troppi stacchi per passare dalla diretta allo studio e la confusione tra gli argomenti di conversazione, spesso non pertinenti, per cui non si capisce di cosa si sta parlando e, per dire, durante la diretta si vedono immagini di Ciccone dell’anno scorso o si parla di nazionale o di ciclisti non presenti o si danno notiziole da giornalino di enigmistica semmai mentre c’è un raro momento di vivacità in gara. E oggi gran finale in cui, tra un’interruzione e uno stacco e l’imminenza di un altro programma, di tutte le reazioni al clamoroso epilogo del Tour e relativi drammi e gioie non si è visto niente.

Con le donne niente drammi, solo risate e brindisi.

un traguardo volante

Dicono che 60 anni è un bel traguardo ma ora che l’ho tagliato spero che sia un traguardo volante e si continui per un altro po’, e non vorrei pretendere troppo ma spero che i GPM siano alle spalle. In 60 anni se ne vedono di cose ma, forse l’ho già scritto da qualche parte, sono sempre meno propenso a rimpiangere e mitizzare il passato e non mi è mai piaciuta l’espressione “ai miei tempi”, e questo non per fare il sempregiovane, non sarei credibile e non mi interessa, non ho mai voluto sembrare chissà chi, non mi interessa il parere degli altri né essere accetto in qualche ambiente o giro, ma non rimpiango il passato proprio perché l’ho visto e non è che c’è tanto da rimpiangere, c’erano cose positive e negative più o meno come ora, in qualsiasi  campo. Ad esempio nelle città ora l’inquinamento ambientale te lo dicono le centraline, decenni fa non era necessario perché lo smog si poteva vedere e forse pure toccare, te ne tagliavi un pezzo e lo portavi ad analizzare, negli alimenti c’erano i coloranti e conservanti, c’erano i giradischi su cui i dischi un po’ suonavano e un po’ saltavano, c’erano le siringhe di vetro e metallo, e non le tiro in ballo perché ne abbia fatto grande uso ma perché visti i rimpianti per gli oggetti del passato mi fa ridere pensare a quell’accidente lì. In Italia c’erano scuole impregnate di cultura risorgimentale e subdolamente classiste, e poi c’erano politici presentabili (alcuni), che avevano studiato (alcuni) ma che non hanno creato una cultura della cosa pubblica ma solo quella delle clientele e in più hanno fatto crescere e prosperare la criminalità organizzata. C’erano le ideologie e c’erano i ragazzi che le seguivano o credevano o fingevano, l’importante era acchiappare le ragazze e picchiare i ragazzi delle ideologie di fronte, e in tanti arrivavano a simpatizzare perfino per i terroristi. Oggi ci sono le fake news ma allora c’erano tante bugie su tutti i giornali e in tutti i telegiornali nessuno escluso e anche nei testi di quelle scuole risorgimentali. Poi c’era la cosiddetta cultura, quella in senso stretto, e gli influencer degli scorsi decenni volevano i libri e i film che trattassero di problemi problematici, ma mi pare che i maggiori rimpianti siano per la tivvù, educata ed educativa, o forse solo puritana, poi sono arrivate la pubblicità e le donne nude, e lì i Grandi Autori di Cinema d’Autore si sono ingelositi perché delle donne nude volevano l’esclusiva. C’è un ricordo locale che secondo me può spiegare la fascinazione per la tivvù di una volta. Le trasmissioni sono iniziate nel 1954 e ci sono voluti altri anni perché gli apparecchi si diffondessero nelle case, e credo che fino agli anni 90 ci siano stati un orario di inizio e uno di fine trasmissione, ma negli anni 60 e nei primi 70 si iniziava nel pomeriggio e si finiva di sera, tranne eccezioni, e ricordo il monoscopio e la voce di un’annunciatrice che interrompeva la musica e diceva siamo in attesa di collegarci col Giro d’Italia. Fino ai primi anni 70 in occasione della Fiera della Casa di Napoli trasmettevano, presumo solo in Campania, un film ogni mattina per tutta la durata della fiera, e nonostante fosse giugno ovvero l’inizio delle vacanze e si potesse fare qualsiasi altra cosa ci mettevamo a vedere quel film fosse uno comico con Totò o una storia strappalacrime, perché era una cosa nuova, che non esisteva, la tivvù era una cosa nuova, quella mattutina ancor di più. Ma oggi quando vedo qualche spezzone di vecchi varietà o qualche filmato di Carosello spesso mi chiedo ma davvero? E poi oggi c’è il famigerato internet, dove paradossalmente scrivono tanti del settore rimpiantistica e accusatori di internet medesimo, grazie al quale posso fregarmene dei palinsesti tutti uguali delle reti tivvù. E per l’eventuale futuro sono fiducioso di poter vedere ancora belle corse, non eroiche perché non mi interessa ma solo belle, di poter sentire ancora bella musica e non sarebbe male se a comporla ci riuscissero ogni tanto pure gli uomini, e di poter leggere ancora bei fumetti, forse tra tutti il mezzo che ha più potenziale da esplorare, purché non si limitino a supereroi e biografie, ché vanno molto quelle di personaggi del passato, e il fatto che spesso quei personaggi siano morti tragicamente e misteriosamente vuol dire che forse quei periodi non erano tanto mitici.

Storie intrecciate

Uno è Richard Carapaz che l’anno scorso ha vinto il Giro d’Italia, e in genere chi vince il Giro al giro successivo, nel senso dell’anno dopo, punta al Tour de France. Ma Carapaz viene irretito dai soldi della Ineos, squadra piena di campioni, e almeno per stavolta per lui non c’è spazio al Tour. Poi succede che quei campioni con diritto di precedenza non sono in forma e Carapaz che stava preparando il Giro viene richiamato d’urgenza per il Tour, sacrificando la possibilità di bissare il successo in Italia e correndo in Francia senza preparazione specifica. L’altro è Michal Kwiatkowski, che alcuni in Italia si ostinano a pronunciare Chiattoschi. Le sue vicende ciclistiche si sono intrecciate spesso con quelle dell’amico e rivale Sagan e c’è stato un periodo in cui sembrava essere lui il vero fenomeno vincente, ha vinto per primo il mondiale e ha beffato l’amico a Harelbeke e a Sanremo. Ma prima il polacco e poi lo slovacco sembravano essere già sul viale del tramonto, anche se mitteleuropeo e non hollywoodiano. Sagan in questo Tour, dopo due settimane di tentativi, sembra essersi arreso, mentre Kwiatkowski sembra ritrovato avendo lavorato molto e bene per la causa di capitani smarriti. Lo svolgimento della tappa odierna è stato tale che si sono ritrovati in testa Carapaz e Kwiatkowski sicuri di arrivare al traguardo senza terzi incomodi, Carapaz che ha sacrificato il Giro per la squadra ed è in fuga per il terzo giorno consecutivo e Kwiatkowski che ha rischiato di sacrificare una carriera per fare il supergregario in più edizioni del Tour e oggi forse ha lavorato di più. Ora se Gianni seguisse il ciclismo chiederebbe alla sua amica Susi chi dei due deve vincere e chi deve lasciare la vittoria all’altro, ma anche se Susi avesse la soluzione del quesito non potrebbe comunicarla agli interessati perché non ha la radiolina. E quindi i due tagliano il traguardo abbracciati senza mascherina e senza mantenere la distanza di sicurezza e soprattutto togliendo le mani dal manubrio per cui potrebbe scattare la squalifica. Al fotofinish vince Kwiatkowski al cui palmarés mancava solo la tappa in un grande giro, cosa che dai tempi della specializzazione non è poi tanto scontata per gli uomini da classiche, vedi Tchmil.

In questa foto i due Ineos sembrano piuttosto due ubriaconi.

Erano due anni che il polacco non vinceva. Invece Andrea Pasqualon non vince da poco più di un anno, ma oggi c’è la Coppa Sabatini, la corsa più adatta a lui che vi ha ottenuto una vittoria e due secondi posti. Ebbene, quei secondi posti sono diventati tre perché la vittoria è andata al giovane neozelandese Smith. Lotte Kopecky invece di vittorie ne ha ottenute ma non ancora nel World Tour, è una giovane pistard che migliora su strada e oggi ha beneficiato di compensazioni strada facendo. Ieri la giovane russa Novolodskaya è caduta quando a pochi km dal traguardo aveva 30 secondi di vantaggio e Marianne Vos avrebbe detto che sarebbe stato difficile raggiungerla. Però oggi sempre sulle strade campane intanto la russa va di nuovo in fuga e di nuovo mostra incertezza nella conduzione della bici, e in seguito dentro l’ultimo km è la Vos ad andare giù, elemento centrale di un domino il cui ultimo definitivo tassello è Annemiek Van Vleuten che si rialza ma dolorante. Ora se al Tour dopo un GPM i ciclisti hanno trovato pure un paio di km di sterrato anch’essi ascendenti, volete che al Giro si facciano problemi a scegliere come rettilineo finale una strada in salita e in pavé nel centro di Maddaloni? No, e infatti vince una ciclista emergente nelle classiche del nord come Lotte Kopecky che prende la scia della moto della RAI, spesso troppo vicina al gruppo se non in mezzo, che le lancia la volata fungendo da keirin, anzi peggio, dato che nel keirin la motorella si sposta molto prima, e la belga vince nettamente. In serata si sperava in un aggiornamento su Van Vleuten dal TGR ma il notiziario folk dà precedenza all’attualità e quindi trasmette un’intervista inutile a un calciatore mentre alla tappa non accenna neanche per sbaglio.

L’arrivo vittorioso di Kopecky e doloroso di Vos Van Vleuten e Spratt.