Carosello

La Germania doveva ospitare i mondiali della mtb ma per il covid ha rinunciato e allora quei mondiali si sono disputati in Austria. L’Austria doveva ospitare gli europei di mtb ma ha rinunciato per lo stesso motivo, e da oggi le gare si disputano in Svizzera. La Svizzera doveva ospitare i mondiali su strada ma ha rinunciato e l’Italia l’ha sostituita. L’Italia doveva ospitare gli europei su strada ma ha rinunciato e la manifestazione è stata organizzata dalla Francia.

L’Isola dell’Ottimismo

Il Giro della Sardegna rinacque nel 2009, rimorì nel 2011 e non resuscitò neanche negli anni d’oro, o di similoro, di Fabio Aru. Per questo alla presentazione del calendario rivisto e corretto dell’annata ciclistica è stato ancora più sorprendente ritrovarlo, un segnale di ottimismo in piena incertezza COVID. E gli organizzatori l’hanno voluto collocare a fine ottobre, ottimisti sul fatto che tre giorni dopo le 21 tappe del giro gli stessi protagonisti si sarebbero sciroppati altre 5 tappe sarde, cosa che non riuscì neanche al Sergente Torriani quando due giorni dopo la conclusione del Giro del 1979 si inventò la marcia forzata di 670 km Milano-Roma, opportunamente snobbata da tutti i big dell’epoca, tranne Panizza Gavazzi e l’incauto Enrico Paolini, tricampione italiano, che nonostante fosse uomo da sprint di gruppo fu battuto dal gregario Sergio Santimaria proprio allo sprint finale, alla faccia di chi si aspettava distacchi eroici. Poi la Sardegna è stata ottimista a scopo di lucro accogliendo quest’estate altri forzati, i turisti che hanno un disperato bisogno di divertirsi e ubriacarsi e stordirsi per non guardare in faccia alla realtà e accorgersi di che nullità sono, ed è stato un boom ma di contagi. E dato che da allora l’andazzo del COVID è solo peggiorato, come prevedibile il Giro di Sardegna è stato cancellato e sarà già tanto se si concluderà quello d’Italia. Ma gli organizzatori si sono dimostrati ancora una volta ostinatamente ottimisti e hanno chiesto già una collocazione nel calendario del 2021, preferibilmente a febbraio, perché evidentemente hanno fiducia che la situazione migliori, ma dato che il Premier Déjà Vu è partito come Churchill ma è finito come Bolsonaro c’è poco da essere ottimisti.

Il Giro di Sardegna del 1975 fu vinto da Merckx che nella seconda tappa batté Gualazzini e Osler.

Classicomani e non

Non so chi ha inventato la parola “classicomane” o l’ha adattata al ciclismo, di sicuro la usa molto il sito Cicloweb per definire quei ciclisti che vanno forte soprattutto nelle classiche, tipo Gilbert o Van Avermaet, tipologia al momento rara in l’Italia dove il migliore nella specialità è Nibali che è il migliore in tutto mentre altri, Trentin Ulissi o Viviani, si potrebbero definire “tappomani” perché le loro vittorie più illustri in fondo sono le tappe dei grandi giri più che le semiclassiche o gli europei,  e altri ancora come Colbrelli e Nizzolo non sono neanche quello. E infatti Ulissi, deludente al mondiale, lanciato alla grande da Conti che al mondiale neanche c’era perché dimenticato da Cassani, ha vinto alla prima occasione utile di questo Giro, un arrivo in salitina, resistendo al resistibile ritorno di Sagan. Quello che invece non vuole rassegnarsi al ruolo di classicomane è Fuglsang che invece di andare alla Liegi a cercare di bissare il successo dell’anno scorso è venuto al Giro per fare classifica, ma nelle prime due tappe ha già perso i due principali gregari Lopez e Vlasov. Ma potremmo definire classicomane anche l’appassionato che preferisce le corse in linea a quelle a tappe e quell’appassionato sono io, e le domeniche del Giro saranno come quelle di decenni fa quando ancora non schifavo il calcio, cioè sarà tutto il ciclismo minuto per minuto perché si corrono in contemporanea le mie corse preferite, le classiche del Nord, e la corsa più dura del mondo nel paese più autoindulgente del mondo, o era il paese più bello del mondo? E infatti eccole le bellezze d’Italia quando stacco dai boschetti della Vallonia: viadotti di cui non si capisce il senso. Bisogna dire pure che il Sud non sa valorizzarsi perché mentre al nord Europa ci sono le stradine strette in pavé e nel senese ci sono le strade bianche che vanno molto di moda al sud ci sono le strade brutte; beh, perché in questi casi ci si dimentica dei tempi eroici del ciclismo eroico quando tutte le strade erano brutte? Meno male che qualcuno che ne capisce, e non è lo scrittore parlante, quando due ciclisti della stessa squadra, Viviani e Consonni, cadono in punti diversi fa notare che forse non è una coincidenza e forse non sono le brutte strade ma il brutto vizio di gonfiare troppo le gomme aumentando la performance ma perdendo il famoso grip che non è prerogativa del fuoristrada, però di queste cose si parla e subito dopo ci si dimentica. E comunque quando dalla Liegi si passa al Giro è un dispiacere perché almeno la metà delle volte sta parlando lo scrittore, ora ci dice di Camilleri ora degli abiti dei giullari che erano multicolori, come la maglia della EF che è stata multata però non per la bruttezza ma solo perché non era stata comunicata all’UCI nei tempi previsti, e quando di sera al TGiro propongono la sintesi della tappa e nel momento saliente della caduta dei due Cofidis si risente lo scrittore che blatera di colori dei giullari ci si rende conto ancora di più dell’assurdità della situazione, e ci si chiede perché non lo prestano a qualche altro sport, e non si capisce perché solo il ciclismo deve essere occasione per parlare e straparlare dei luoghi che ospitano gare. Dicevo due corse in contemporanea, oltre 400 km in totale ma anche a sommarle c’è stato poco spettacolo, tutto concentrato nei finali, gli ultimi 2 km al Giro e gli ultimi clamorosi 20 alla Liegi, fuga ripresa verso la fine in entrambe e Liegi decisa sulla Roche-aux-faucons dove sono andati via Alaphilippe Hirschi Roglic Pogacar con Kwiatkowski e Woods che arrancavano e sono rimasti dietro. Nessuno ha provato a evadere davanti e quando nel finale i quattro hanno iniziato a controllarsi Alaphilippe deve essersi ricordato dell’Amstel dell’anno scorso, e infatti dietro c’era Van Der Poel a tirare ma in mezzo c’era Mohoric che era partito in discesa e arrivato sul gruppetto di testa non li ha beffati ma ha finito per tirare la volata al campione del mondo. Ma oggi Alaphilippe forse sentiva troppo la pressione e ne ha combinate di tutti i colori. Già prima dei -50km aveva cambiato tre volte la bicicletta e pure gli scarpini, e nell’ultimo km ha sbandato prima a 900 metri e poi nel rettilineo finale danneggiando Hirschi e Pogacar, ha tagliato il traguardo alzando le mani troppo presto e Roglic l’ha infilato col colpo di reni. Difficile dire se Hirschi e Pogacar che sembravano ben lanciati potevano superarlo ma diciamo anche che per tutti questi errori oggi Alaphilippe non meritava la vittoria, e sta bene che sia andata a Roglic sia perché ci ha creduto fino all’ultimo sia perché, ridimensionato dall’esito del Tour, come già l’anno scorso anziché chiudere la stagione ha continuato con le corse in linea ed è ancora in tempo anche lui per cambiare mestiere e diventare classicomane. Alla fine la giuria impietosita ha retrocesso Alaphilippe per la deviazione finale così avrà meno rimpianti per come ha buttato la vittoria, ma se avesse vinto l’avrebbero squalificato ugualmente? Mistero, come un mistero è stata l’invisibile gara femminile che dicono sia stata vinta da Lizzie Deignan mentre delle protagoniste delle ultime gare solo Vos è arrivata ancora quarta, Longo Borghini Van Der Breggen e Van Vleuten  attardate, unica incrollabile certezza il ritiro di Puck Moonen che non dobbiamo giudicare oggi ma tra 4 anni quando vincerà il mondiale.

Ardenne ingrate per Dries Devenyns: ha lavorato alla Freccia per portare in testa ai 400 m Bagioli che è arrivato 19esimo e oggi per Alaphilippe che ha buttato via la corsa.

PAlermo-TOURS

A Palermo soffia vento caldo, ma con tutte quelle foglie morte Via della Libertà dove arriva la prima tappa del Giro d’Italia ricorda l’Avenue de Grammont in cui termina la Paris-Tours. La prima tappa è quasi un cronoprologo, un po’ più lunga di quelli che si usavano ai tempi di Thierry Marie e Chris Boardman, ma per Filippone Ganna non sarebbe cambiato molto, non si fa prendere dalla pressione e prende piuttosto tappa e maglia rosa, che se uno non gradisce tanto quel colore basta che guardi la nuova maglia della EF color discarica e accetta anche il rosa. Il Giro è promozione per il ciclismo e per il turismo. Ed è facile appassionarsi al ciclismo ascoltando lo scrittore parlante che, mentre sono in gara i partenti più attesi, ci racconta chi ha inventato il gelato o come è nata la coppia Franco e Ciccio. Ed è difficile pensare a una pubblicità migliore per Palermo di quella proposta oggi con immagini del canadair che spegne gli incendi che dicono causati dal vento, facciamo finta di crederci, e gigantografie delle vittime delle mafia, e in fondo il problema più grande in Italia non è la disoccupazione, né il coronavirus, né come prendersi i soldi europei, né gli sbarchi dei clandestini, perché per ognuno di questi problemi si finisce sempre a pensare cosa farà la criminalità quindi fate voi. Eppure la corsa sfiora edifici vetusti che hanno un fascino per fortuna non ancora intaccato da restauri imbellettanti. Finita la tappa c’è il Processo alla medesima e dopo un anno con Antonello Orlando vedere Alessandra De Stefano fa tirare un sospiro di sollievo, ma dura poco. C’è una partenza corporativista col ricordo di tre giornalisti del passato, Zavoli, Mura e in quota nepotismo il figlio di quel giornalista passato alla storia e anche alla preistoria per la famigerata frase sull’uomo solo al comando della corsa che sembrava pronunciata dal balcone di Piazza Venezia. Ma la cosa peggiore è il finale e non so se Bulbarelli si rende conto del mostro che ha creato: ogni giorno lo scrittore leggerà la sua “cartolina” dalla tappa, qualche frase a effetto, un po’ di buonismo e passa anche questa, e peccato solo che l’ordine degli eventi non possa essere invertito, perché questa collocazione in calendario e l’orario di fine delle tappe mal si conciliano col lavoro, sarà difficile vedere anche solo gli ultimi km ma il processo non si scampa. E a proposito di cartoline stamattina in centro c’erano delle bancarelle di artigianato e cose vecchie, dati i tempi le guardavo da lontano, ma mi sono avvicinato perché un tipo aveva un raccoglitore con cartoline di ciclisti e sarà che le aveva in ordine alfabetico o una coincidenza era aperto a Frankie Andreu e Lance Armstrong, come deterrente sono più efficaci del coronavirus e allora arrivederci. 

L’inizio della terza stagione

Oggi è iniziata la terza stagione di classiche dell’anno, e in tutte le annate ci sono tre blocchi di corse in linea, solo che in genere la prima finisce il primo maggio a Francoforte e invece quest’anno è stata troncata due mesi prima, la seconda tra agosto e settembre vede delle corse che quest’anno sono state parzialmente cancellate ma ha ospitato quelle italiane di primavera e di autunno, e poi ci sono le classiche d’autunno che quest’anno sono per lo più quelle di primavera. E infatti oggi si è disputata la Waalse Pijl con il tradizionale arrivo sul Muur Van Hoei e domenica seguirà la Luik-Bastenaken-Luik, e voi mi direte ma di cosa stiamo parlando, e in effetti non è corretto chiamare in fiammingo delle corse valloni che poi non si riconoscono, però anche a guardare il Muro di Huy senza pubblico era difficile riconoscerlo, e questa cosa in diretta l’ha fatta notare solo la sensibilità di Giada Borgato, che può sembrare frivola quando si dichiara esperta di gossip ciclistico ma è molto più dentro il ciclismo vivo dei colleghi uomini che ci sorbiremo nei giorni a seguire, e quando poi la gara maschile è stata un’altra testimonianza del ricambio generazionale lei ha detto che finalmente non c’è più il nonnismo che impediva ai giovani di emergere, che è una cosa che andrebbe approfondita e non si è mai sentita dai commentatori maschi, forse ne sa qualcosa Eros Capecchi? E gli uomini RAI hanno iniziato questa stagione con la solita lamentela sul Giro danneggiato dal nuovo calendario, dimostrando la stessa testardaggine e lo stesso orgoglio fuori luogo degli organizzatori del giro medesimo che non hanno voluto tenere conto dell’eccezionalità del periodo e non hanno voluto accorciarlo un poco, ma basterebbe pensare proprio al Belgio che ha un’unica corse a tappe nel World Tour, per di più in comproprietà con l’ex Olanda, una corsa adatta agli uomini da classiche, ed è stata programmata  contemporaneamente alla Freccia Vallone, per non parlare della Spagna con la Vuelta spostata a novembre e che dovrebbe passare sul Tourmalet che però è già innevato. Per la vittoria si attendeva lo spareggio tra Anna Van Der Breggen e Marianne Vos, le due ex olandesi più in forma del momento entrambi vincitrici di 5 edizioni e ha vinto Anna che, come ha commentato la Borgato, ha fatto quello che non bisogna fare, una progressione anziché una volata, lunga, in testa senza mai guardare indietro. Ora qualcuno vorrà invece guardare l’ordine d’arrivo tutto per verificare se qualcuna è caduta, ma delle favorite nessuna, ha forato la Ludwig ma è agevolmente rientrata con tanto di traino delle ammiraglie e sfacciato bidon collé perché la borraccia l’ha poi buttata, ed è arrivata seconda davanti alla Vollering. Le due piazzate sono le ultime vincitrici del Giro dell’Emilia e non è un caso, perché più volte il Muro di Huy è stato paragonato alla salita di San Luca e la famosa “esse” è stata paragonata alla Curva delle orfanelle, ma la brutta notizia è che l’anno prossimo il Giro dell’Emilia femminile non è in programma, e non credo sia a causa delle mortadelle di Amici che minerebbero la linea delle cicliste, peccato che agli organizzatori e ai politici che si vantano del mondiale e del giro intatto nessuno vada a chiedere conto di un calendario femminile sempre più misero. Si corre poco qua, è significativo che Giada Borgato che correva soprattutto in Italia ricordi l’emozione del pubblico sul Muro di Huy e non di quello del Giro Rosa, che infatti non esiste, e forse per questo Rossella Ratto da anni cerca fortuna all’estero e non sempre ci azzecca, eppure nelle poche occasioni in cui corre dimostra che il potenziale per fare bene c’è sempre e in un paese in cui vanno forte soprattutto le passiste veloci, che suppliscono alle poche corse su strada con l’attività su pista, di cicliste come Rossella c’è ancora bisogno. Quest’anno corre (si fa per dire) con la sciagurata squadra belga Chevalmeire di cui non si conosce neanche la maglia e oggi è arrivata 76esima, difficilmente poteva far meglio avendo corso poco, ma comunque è la prima della sua squadra, famosa anche per aver ingaggiato Puck Moonen che da qui inizia il piano quadriennale per diventare campionessa del mondo, intanto oggi si è ritirata come nelle altre corse UCI disputate quest’anno ma c’è tempo, però se non mostra progressi sportivi e non mostra neanche più le foto che l’hanno resa famosa qualche suo fan potrebbe restare deluso. La Van Der Breggen, dicevo, ha vinto facendo quel che non si deve fare sul Muro di Huy, non sprecare energie e scegliere il momento giusto per partire, e quando è quel momento giusto alcuni hanno impiegato un’intera carriera per scoprirlo, invece Marc Hirschi l’ha saputo al primo tentativo, come se venisse qui da anni, approfittando anche dell’assenza dell’intero podio dell’anno scorso ma gli avversari scafati c’erano e hanno assistito alla consacrazione di un campione, forse.

O vogliamo dire che Anna Van Der Breggen ha vinto perché nella gara maschile è caduto Vansevenant?

Ciclismo e politica

Il mondiale di ciclismo femminile ha sfiorato il milione di telespettatori ed erano di sicuro tutti interessati alla gara dal momento che questo sport non concede niente al voyeurismo, come potrebbe essere invece con l’esposizione di glutei nella pallavolo o nel salto in lungo oppure con la seconda pallina infilata sotto il gonnellino nel tennis. Quindi del mondiale maschile che fa molti più ascolti bisognava approfittare per usi promozionali e politici, e diciamo che per la promozione turistica bisogna ringraziare la regia internazionale per le riprese davvero spettacolari, riprese (nel senso del participio passato) anche da Het Nieuwsblad. Dopo che Vicenza per disinteresse politico ha perso i mondiali, questi sono stati poi riassegnati all’Italia per la faccenda del COVID, e la politica in senso lato si è fatta viva durante la diretta RAI. Durante la quotidiana auto-celebrazione Pancani è arrivato a dire che senza l’intervento dell’Italia i mondiali non si sarebbero disputati, ma non  è vero perché c’era già pronta la Francia, e poi è disceso tra i suoi sottoposti il Direttore Bulbarelli che, dopo aver riconosciuto le difficoltà di un Giro in autunno e aver minacciato la presenza di due nuovi commentatori di cui non ha fatto i nomi limitandosi a dire che il Giro l’hanno vinto (ohibò, Gotti? Basso?), ha riportato la polemica tra il Presidente del CIO e il Governo italiano. In sostanza il CIO prevede che i comitati olimpici nazionali siano totalmente indipendenti dalla politica, ma secondo Bach la legge di riforma italiana non sarebbe conforme alla Carta Olimpica, mentre il Ministro nega tutto, anche che sia previsto un meeting sulla questione. E’ vero che i politici italiani spiccano per incompetenza e incapacità che non possono compensare con la mania di protagonismo, però è anche difficile credere che i comitati olimpici siano indipendenti dalla politica in paesi come la Russia, il Kazakhistan, il Bahrain eccetera, ma anche nei democratici paesi europei. Poi l’esito del campionato mondiale almeno ha tolto ai politici italiani un’occasione per vantarsi di meriti non loro; infatti ha vinto Julian Alaphilippe che tra l’altro avendo come cittì della nazionale Thomas Voeckler sta migliorando molto anche sul piano delle smorfie. Tra gli sconfitti possono avere rimpianti Pogacar e Van Aert. Pogacar forse si è sentito colpevole o in debito verso Roglic per avergli strappato il Tour, e oggi forse ha corso per lui attaccando al penultimo giro, e avrebbe avuto bisogno di uno specchietto retrovisore per le tante volte che si è girato, forse voleva stancare gli avversari, ma se l’avesse fatto all’ultimo giro poteva giocarsi la vittoria. Van Aert non ha creduto in un tentativo con Nibali Uran e Landa, forse l’idea di un attacco con Landa gli faceva venire da ridere, e quando invece è partito Alaphilippe non gli è riuscito di andargli dietro, e l’inseguimento di Van Aert + 4 ha favorito l’attaccante, perché i 4 erano frenati dal fatto che Van Aert è molto più veloce ma lui a sua volta era frenato dal fatto che i 4 non collaboravano. Il punto è che nella banda dei 4 c’era Roglic, che nella circostanza correva per un’altra nazione ma in genere è compagno di squadra di Van Aert che molto ha lavorato per la causa di un Tour che il capitano sloveno non ha saputo vincere e quindi avrebbe potuto sentirsi un po’ in debito, anche giustamente, a differenza di Pogacar che in Francia ha solo fatto la sua corsa. Comunque i 4 avevano ragione su Van Aert che per il secondo posto ha lanciato la volata in testa e si è tolto tutti dalla ruota. Infine il mondiale della squadra di Cassani è stato più anonimo di quello che si temeva, si può discutere su qualche gregario, dell’esclusione di Mosca ad esempio, ma non avrebbe cambiato la sostanza, perché ogni tanto si intravede un nome nuovo, un futuro campione, ma poi alla fine ci si affida sempre a Nibali che a 36 anni avrà risentito più di altri dei mesi passati solo a fare i rulli.

Anche il Premier ha ringraziato i ciclisti italiani.

Ultime curiosità da Parigi

È curioso accorgersi che finisce il Tour e a seguire invece del clou dell’estate c’è il campionato del pallone. È curioso vedere all’inizio della diretta che il gruppo, anche se non ancora arrivato a Parigi, è allungato come fosse una classica, ma per la faccenda del covid è proibita la promiscuità di interviste, foto di rito e brindisi incrociati, anche se all’insaputa della RAI gli sloveni Pogacar, Roglic, Polanc, Mohoric e Mezgec hanno fatto una foto di gruppo come l’anno scorso i colombiani per analoga occasione. Nelle prime fasi di corsa viene inquadrato Trentin che parlotta con Roglic, i due sono accomunati da sconfitte cocenti, e chissà che Trentin pensando al secondo posto di Roglic non si consoli un po’ per la faccenda del mal comune. Ci si chiede come e perché ha vinto Pogacar, e qualcuno dice che Roglic nella crono ha dovuto modificare la sella e per questo era scomposto, e sarebbe grave che la Jumbo si fosse persa per una cosa del genere, oppure che Roglic cala nella terza settimana, e in tal caso deve assolutamente tornare alla Vuelta che quest’anno è in versione light e dura due settimane e mezza, magari il Giro l’avesse emulata. Si dice che la fortuna di Pogacar è stato il ritardo nella tappa dei ventagli, e in effetti, se avesse preso la maglia gialla, come avrebbe fatto la sua mezza squadra a controllare la corsa, chi lo avrebbe scortato in salita, Kristoff? Si ricorda che la bici del vincitore è di Colnago, proprio nell’anno in cui ha venduto la Ditta e non si capisce che ruolo continua a svolgervi, ma di sicuro dispone di telai del colore delle varie maglie pronti per essere inviati al ragazzo fenomeno che è buono bravo bello intelligente umile e maturo, proprio come Bernal l’anno scorso. Ma in realtà il  vero segreto di Pogacar ce lo svela Garzelli, in collegamento dalla Casa di Riposo Studio RAI, quando ricorda che nell’ultima cronometro della Vuelta dell’anno scorso Pogacar diede 1’30 a Valverde e 1’40 a Pogacar, e capirete che uno che dà un distacco del genere a sé stesso non è un ciclista qualunque, e soprattutto questa sua ubiquità ben si concilia con il fatto che al Tour ha vinto 3 maglie.  Ecco, la RAI è la vera jattura per gli spettatori italiani, dicono che bello il passaggio del gruppo nel Louvre e lo sfumano per mandare la pubblicità, oppure parlano di funghetti a 10 km dalla conclusione con Van Avermaet in fuga. L’ultima tappa più di tutte è uno strazio con mille commenti, spesso inutili, e forse sarebbe il  caso di indire un referendum per il taglio dei commentatori RAI, e poi riassunti, ricordi, non sempre tempestivi (per Gianni Mura morto 6 mesi fa non potevano trovare un’altra occasione?), ringraziamenti, autoindulgenze, indulgenze plenarie e ogni altra occasione che torna buona pur di non parlare della corsa di cui non so quanti km effettivi hanno fatto vedere, perché il problema non è solo quello che dicono, basterebbe azzerare l’audio, ma quante volte staccano le immagini per altrove. E dato che come spettatore del ciclismo a me piacerebbe vedere innanzitutto la corsa in corso, mi chiedo se interessa anche a loro che col ciclismo ci campano, a volte sembrerebbe di no. Ridendo e scherzando si arriva alla volata e vince Bennett che si porta a casa pure la maglia verde, l’unica non vinta da Pogacar, con l’annessa soddisfazione di strapparla a Sagan che fino all’anno scorso era suo compagno di squadra, una compresenza che in pratica impediva a Bennett di essere selezionato per il Tour.

E lei è il segreto più noto di Pogacar: la fidanzata che, al netto degli accenti e altri segni grafici, si chiama Urska Zigart, corre nella Alé BTC Ljublijana e quest’anno ha vinto il titolo sloveno a cronometro, è arrivata decima nel Tour de l’Ardéche e 78esima nel Giro Rosa.

Il giorno più lungo

La mtb non ha portato solo cose positive nel ciclismo su strada, quello strumento di tortura che è la hot seat l’usarono dapprima nella downhill, poi si è estesa ad altre gare a tempo e, nonostante le misure anti-covid, eccola all’ultima tappa della Tirreno-Adriatico, la cronometro di San Benedetto del Tronto, la sedia calda oggi ancora più calda per le alte temperature che Bettini in telecronaca ci ricordava in loop. I tifosi italiani si stavano strappando i capelli perché finora non ci sono state vittorie di connazionali né al Tour né alla T-A, ma proprio all’ultima occasione marittima c’era Filippone Ganna che ha fatto addirittura il record della corsa, però poi ha dovuto sedersi buono buono in una mini quarantena ad aspettare tutti gli altri arrivi, ed essendoci in ballo la sua vittoria finora più importante su strada quel tempo già lungo gli deve essere parso lunghissimo. E arrivano campioni europei e mondiali e vincitori di crono nei grandi giri, ma lui rimane sempre primo e sempre seduto,  fino alle ultime partenze degli uomini in lotta per la classifica perché il suo compagno di squadra Gerainthomas fu inseguitore come lui oggi, ma la rimonta riesce a metà, dal terzo al secondo posto, e dove non era riuscito il gemello Adam beffato l’anno scorso da quel trattore di Roglic, è riuscito quest’anno il gemello Simon. Ora qualcuno si domanderà se Thomas avesse fatto il Tour, boh, vai a sapere, quello visto al Delfinato non era in gran forma ma neanche l’attuale è ai livelli passati.  E c’è un record anche al Giro Donne: la corsa UCI più lunga della storia, una tappa di 170 km, neanche piatti e col finale in uno dei tanti centri storici del centroitalia, oggi Tivoli, con ripidissime salitelle contorte, cui si sono aggiunti 12 km di trasferimento che servono per partire da una località vogliosa di pubblicità dove in realtà non è opportuno partire e allora ci si vede lì poi si va in bici fino a un posto più adatto e si parte, e non so se la notizia più importante è la vittoria della cagnaccia inglese Banks o il fatto che ci siano stati solo tre ritiri e nessuna ragazza fuori tempo massimo.

Ganna sulla sedia calda.

e-cologia

Tutti si preoccupano di dove vengono abbandonati i monopattini ma nessuno si preoccupa di dove verranno abbandonate le batterie di monopattini elettrici, e-bike e tutti gli altri veicoli elettrici che vengono spacciati per ecologici dalla potente lobby dei fighetti.

Il Grand Tour

Col calendario siamo arrivati alla sovrapposizione, o piuttosto alla convivenza perché si cerca di differenziare gli orari di arrivo, di due corse a tappe del World Tour. Non è una novità, negli anni scorsi capitava con la Tirreno-Adriatico e la Parigi-Nizza o con il Giro d’Italia e il Giro di California, ma stavolta l’ingombro tocca il Tour de France che deve convivere con la corsa marittima. E però finora in due non fanno lo spettacolo di una, in Italia c’è la fuga pubblicitaria delle squadre minori e in Francia le cadute, e poi c’è la volata. In Francia dopo il riposo vince finalmente Bennett che si commuove al punto che pensavo avesse pure lui un morto da ricordare come spesso chi vince e invece no, era solo felice. In Italia invece due vittorie di Ackermann che quasi sembrava già in declino, ieri diciamo normale ma l’altro ieri sfiorando più volte le transenne e avendone molti elogi, ma a pensarci bene, anche se il rischio era solo suo ma poi va a sapere cosa succede quando uno cade, mi viene il dubbio che non sia il caso di elogiare uno che rischia così tanto, in fondo quando Froome mostrò al grande pubblico un modo mitteleuropeo di andare in discesa che a detta di molti è assai pericoloso fu criticato perché era un cattivo esempio. E dire che sempre più spesso si criticano i percorsi, soprattutto i km finali, perché pericolosi, e forse proprio per evitare cadute nella corsa marittima ieri Fuglsang se ne stava in coda tranquillo a guardare il paesaggio. Dopo aver vinto il Lombardia e aver confermato di andare meglio nelle corse in linea, Fuglsang ha detto che vuole provare a centrare un podio in uno dei grandi giri, che, per chi fosse a digiuno, sono i giri di Italia Francia e Spagna che dagli addetti ai lavori sono identificati con la sigla “GT” che sta per Grand Tour, e in attesa di quello ciclistico forse il danese si faceva un po’ di quello culturale, come in altra epoca fecero Goethe e altri famosi perdigiorno. Ma non sarebbe un problema perché non si è mai sentito di un ciclista ritiratosi per la Sindrome di Stendahl. Piuttosto in questi giorni il rischio è per il coronavirus e proprio l’altro ieri in Francia sono stati tamponati tutto il peloton e gli staff delle squadre e i ciclisti sono risultati tutti negativi. A casa è andato il gran capo Prudhomme ma non è una grande perdita. E in attesa di tappe spettacolari anche il pubblico potrebbe guardare il paesaggio, in Italia si è attraversata la Toscana e in Francia c’è stata una tappa storica perché per la prima volta sono partiti da un’isola per arrivare a un’altra percorrendo uno spettacolare ponte che speriamo non sia stato visto dai politici italiani che hanno riesumato l’idea di quello sullo Stretto, ma dicevo per gli spettatori italiani la visione del paesaggio è resa difficoltosa dalla RAI che con due corse e due reti a disposizione ha risolto il problema a modo suo, cioè ingarbugliando e pasticciando tutto con continui cambi di corsa e di rete quindi niente di nuovo.

Affinità elettive.